Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Sesto San Giovanni per l'Unesco

 

08. La città si racconta - The Township Tells Its Story

Sesto e i suoi studenti - Per una città ideale

Il concorso Sesto e i suoi studenti nasce nel 1987, alla vigilia del 40° anniversario della Costituzione italiana, e nella primavera successiva viene pubblicato il primo volume del concorso. E’ l’inizio della stretta collaborazione tra il Comitato promotore del concorso (che comprende l’Associazione Partigiani d’Italia, l’Associazione Ex Deportati nei campi nazisti e tutte le associazioni d’arma), l’associazione dei genitori, gli insegnanti e soprattutto gli studenti, veri protagonisti dell’iniziativa.

Da allora gli studenti di Sesto, invitati dal Comitato promotore, scrivono su temi difficilmente oggetto di studio nelle scuole. Le associazioni promotrici insieme alle scuole coinvolte individuano il tema da proporre. Insegnanti e presidi lo presentano alle classi e organizzano momenti di incontro e lavoro collettivo durante tutto il corso dell’anno. Gli elaborati prodotti sono poi vagliati dalla Commissione giudicatrice, che assegna i premi e le borse di studio. In contemporanea, viene curata la realizzazione del volume.

L’adesione sempre entusiasta al Concorso ha permesso all’iniziativa stessa di rinnovarsi negli anni: il Concorso include oltre a temi e poesie anche filmati, realizzazioni multimediali, immagini e musica e, sempre più, di lavori collettivi.

Sesto in evoluzione tra passato e futuro

Il tema per l’anno scolastico 2006/2007 del concorso Sesto e i suoi studenti è stato Sesto in evoluzione tra passato e futuro vista dai suoi studenti.

Con la scelta di questo tema si è voluto avvicinare gli studenti e la cittadinanza intera al percorso di candidatura all’Unesco che Sesto San Giovanni sta affrontando, aiutando la valorizzazione e la diffusione del patrimonio culturale sestese.

Gli studenti delle scuole di Sesto e di Cologno Monzese sono stati invitati a contribuire con la loro creatività, immaginazione, capacità di osservazione e spirito critico, producendo a scelta:

  • un lavoro di ricerca, in formato libero (testo, video, multimediale)
  • un’opera grafica, pittorica, figurativa, con tecnica libera, che rappresenti la città di Sesto in evoluzione tra il passato e il futuro, accompagnata da un testo di illustrazione e commento dell’opera stessa.

Per una città ideale

Gli elaborati degli studenti che hanno partecipato al concorso sono stati raccolti e pubblicati nel libro "Per una città ideale". Il concorso ha offerto agli studenti l’occasione di guardare alla propria città con occhi nuovi, di rivolgerle uno sguardo più profondo, di capirne meglio il passato e le potenzialità future.

 

Immagine tratta dalla copertina del libro Per una città ideale

 

Di seguito vi presentiamo le considerazioni di alcuni studenti circa il significato di questa edizione del concorso. 

Da una lettera che Lorenzo Di Pasquali scrive al suo amico Luca
Classe 2ª B, Scuola Media VII - Istituto Comprensivo G. Pascoli di Sesto San Giovanni - medaglia d’argento

“Proprio quando sono nato io, però, Sesto attraversa un brutto periodo; ha rischiato quasi di “morire” perché le sue grandi fabbriche una dopo l’altra hanno smesso di produrre a causa della crisi delle industrie, ma proprio in questo periodo inizia una storia nuova, quella che mi ha appassionato di più. […] Tutto il territorio è stato completamente trasformato e le strutture industriali che sono state conservate a testimonianza di un passato così importante non sono isolate e abbandonate ma visibili e ancora utilizzate, ad esempio per eventi culturali o spettacoli, e fanno parte della città di oggi.
[…] Per me è stato molto importante scoprire che abito in una città particolare, unica per la sua storia passata e le prospettive future, capace di affrontare le sfide più difficili: quando sarò ’grande’, tra qualche anno, vedrò i risultati di questo periodo di cambiamenti.”

Dall’elaborato ’Ricordare il passato per rispettare il presente e il futuro’ di Amr Hussein
Classe 2ª LA - Istituto Tecnico Altiero Spinelli di Sesto San Giovanni - borsa di studio

"Sesto ha segnato importanti passi, che hanno permesso un suo sviluppo demografico, economico e sociale; quindi dimenticare il passato, che vive ancora adesso tramite il Museo dell’Industria, il Carroponte, i Magazzini generali dell’ex area Falck Concordia, le iniziative con temi legati al passato di Sesto, rappresenterebbe un fatale errore. Concorsi come questo a cui partecipo permettono di mantenere la memoria, anche in chi non ha potuto vivere direttamente i momenti della vecchia Sesto, tramite stimoli alla ricerca, all’approfondimento e alla visione di documenti di quella che era prima la nostra città. Dimenticare una realtà è sbagliato, soprattutto se ha delle cose giuste da insegnarci."

Dall ’elaborato ’Noi viviamo a Sesto San Giovanni’ di Luca Frediani e Adriano Zambon
Classe 1ª Alfa - Liceo classico - scientifico Giulio Casiraghi - Parco Nord di Sesto San Giovanni - borsa di studio

"Ciò che ci ha spinto ad affrontare ed a portare avanti questo progetto è fortemente legato al nostro interesse ed al nostro attaccamento verso Sesto San Giovanni. Interesse ed attaccamento che sono nati sicuramente dalle esperienze che ci hanno coinvolto nella vita della città. Che ci hanno spinto ad osservarla, ad ammirarla ed a cercare di conoscerla sempre meglio.
E naturalmente, per capire il presente in cui viviamo, il presente della nostra città che indubbiamente ci riguarda molto da vicino, dobbiamo per forza conoscerne il passato.
Passato che l’ha resa prestigiosa, che le ha permesso di ottenere la medaglia d’oro alla Resistenza, passato che oggi rivive attraveso i resti delle sue fabbriche, che rievocano i fantasmi di migliaia di persone, il carroponte Breda, che vediamo oggi insieme alla storica locomotiva Breda 830 o i capannoni rimasti
della Falck, che seppur vecchi ed ormai vuoti, ancora rimangono a farsi guardare da coloro che tutti i giorni vi passano davanti andando al lavoro, a farsi scoprire da coloro che non li hanno mai visti, a gridare ’Ricordateci!’"

Sesto e i suoi studenti - Per una città ideale si trova in:

STAMPA

Ufficio

Sesto San Giovanni per l'UNESCO
piazza della Resistenza n. 20
Sesto San Giovanni (Mi)
tel:02.2496386/309
fax:02.2496312
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su