Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Sesto San Giovanni per l'Unesco

 

09. La città si mobilita - The Township Rallies Round

Le iniziative del 2013 da aprile a giugno

Logo 16 no(n)ni per l’UNESCO

"16 no(n)ni per l’UNESCO" continua...
aprile-giugno 2013

Proseguono le iniziative del progetto "16 no(n)ni per l’UNESCO" nato per promuovere la candidatura di Sesto a patrimonio dell’umanità UNESCO, spiegarla, suggerire il confronto tra il passato e il presente e raccontare il grande apporto della cittadinanza.
Nel periodo da aprile a giugno si concentrano le visite al territorio con le scuole, l’apertura della mostra "Il futuro mette radici" e l’Archeobiketour.

Vai alla pagina dedicata al progetto
Vai alla pagina dedicata al lavoro con le scuole
Vai alla pagina dedicata all’Archeobiketour


immagine dell’evento

Passion Works. Corsi per bartender alla Campari Academy
Aprile-dicembre 2013

Interessante iniziativa promossa dalla società Campari che con i corsi di formazione per bartenders proposti dalla Campari Academy ha offerto tre occasioni di formazione gratuite a 30 giovani sestesi disoccupati. Il progetto, patrocinato dal Comune di Sesto e guidato da esperti del settore, fornisce ai partecipanti solide basi di bartending dando loro una concreta possibilità occupazionale. Campari, da sempre attenta a promuovere modelli di consumo responsabile con attività di sensibilizzazione ed educazione al bere moderato, con questa iniziativa ribadisce il proprio impegno a fornire linee guida in modo che i giovani, dopo aver frequentato il corso, possano svolgere la loro attività con senso di responsabilità e attenzione al corretto consumo e miscelazione delle bevande alcoliche.

Vai al sito


Immagine dell’evento

Quarta edizione del corso formativo "La sicurezza a partire dai banchi di scuola" contro gli infortuni sul lavoro
3-23 aprile 2013

La sicurezza sul lavoro si impara sui banchi di scuola. Con questa consapevolezza l’INAIL di Sesto e l’Istituto tecnico per geometri Enrico De Nicola, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale, hanno riproposto anche quest’anno un corso formativo incentrato sulla sicurezza nei cantieri: cinque incontri, ciascuno con un tema specifico inerente l’area degli infortuni, la cultura della sicurezza e delle competenze dell’INAIL relative al lavoro.
L’attività didattica era rivolta ai giovani che stanno per affacciarsi alle nuove realtà del lavoro o dello studio universitario e ha fornito strumenti, anche operativi, oltre a semplici nozioni di sicurezza e di tutela della salute.
Il progetto formativo era rivolto agli studenti di quinta che, accanto alle quattro lezioni teoriche, il 12 aprile, hanno effettuato un tour guidato nel cantiere residenzale Caltagirone nell’area Vulcano. L’occasione ha rappresentato un momento in cui i ragazzi hanno potuto mettersi alla prova all’interno di un vero cantiere edile verificando sul campo gli aspetti relativi alla sicurezza e alla materia antinfortunistica.
Sesto San Giovanni, città dove nel 1972 nacque il servizio di medicina del lavoro, ha fatto tesoro della sua esperienza e ripropone oggi, in chiave moderna, quell’impegno per la salute e la sicurezza dei lavoratori che è diventato suo patrimonio attraverso le lotte operaie nei decenni delle grandi industrie.


immagine dell’evento

La città commemora la Resistenza
7 aprile-30 giugno 2013

A 68 anni dalla Liberazione, Sesto ha celebrato uno dei momenti più alti della storia italiana con una serie di manifestazioni che, dal 17 aprile al 30 giugno, hanno animato la vita cittadina.
Le manifestazioni sportive, le mostre, le proiezioni di film e documentari, i reading teatrali, i seminari, gli stand di Sesto in fiore, la deposizione di corone nei luoghi e sui monumenti simbolo della Resistenza hanno onorato il sacrificio di chi è caduto per il nostro Paese lottando contro il fascismo in difesa dei valori di libertà e democrazia.

Vai alla data dell’incontro


immagine dell’evento

“Emigrazione e lavoro. Italiani all’estero nel secondo ’900” a Villa Mylius
8 aprile 2013

L’interessante seminario “Emigrazione e lavoro. Italiani all’estero nel secondo ’900”, ospitato lo scorso 8 aprile a villa Mylius, ha rappresentato un importante momento per conoscere e capire le caratteristiche, le motivazioni, le reali condizioni di vita e l’intreccio con il mondo del lavoro, dell’emigrazione italiana dello scorso secolo. L’evento è stato organizzato dalla Fondazione ISEC in collaborazione con la Fondazione Piero e Marco Pellegrini - Guglielmo Canevascini di Bellinzona.


logo dell’Archivio Giovanni Sacchi

“Non aspettare di diventar vecchio per finire in un archivio” all’Archivio Giovanni Sacchi
9-14 aprile 2013

Sulla scia del successo dell’edizione 2012, dal 9 al 14 aprile gli spazi dell’Archivio Giovanni Sacchi hanno riproposto l’evento "Non aspettare di diventar vecchio per finire in un archivio". Durante la manifestazione sono stati ospitati 40 designer che hanno messo in mostra i loro progetti legati ai molteplici aspetti del design e della creatività.
L’iniziativa è nata per permette ai giovani designer di esporre le proprie idee all’interno di uno spazio che rappresenta non solo un luogo di custodia della cultura del design, ma anche un luogo di produzione, sperimentazione progettuale e di scambio. Il punto di incontro di una comunità di progettisti, produttori, artigiani e istituzioni.
Per tutta la settimana l’officina dei modelli è rimasta in funzione con due modellisti, tre designer under 32 e un designer senior che hanno lavorato alla realizzazione di alcuni modelli di oggetti.

Vai alla data dell’incontro


logo di Alstom Power

Un nuovo polo produttivo e di ricerca sull’ex area Vulcano
15 aprile-18 ottobre 2013
  • Il 15 aprile è stata firmata la convenzione tra Alstom, gruppo Caltagirone e Comune di Sesto per la realizzazione del nuovo polo produttivo e di ricerca di Alstom sull’ex area Vulcano di Sesto.
    L’intervento consentirà l’arrivo a Sesto San Giovanni di 140 lavoratori, dei quali una parte molto numerosa è costituita da ingegneri e da tecnici di alta professionalità.
    Leggi il comunicato stampa
  • Giovedì 18 ottobre è stata posata la simbolica prima pietra che da il via ai lavori di realizzazione del nuovo stabilimento. Entro una decina di mesi i lavori dovrebbero essere completati e l’entrata in funzione dell’intero polo produttivo è prevista per la prossima estate. Alla cerimonia hanno partecipato il Sindaco Monica Chittò, l’Assessore provinciale Paolo Giovanni del Nero, il direttore dell’unità Grid di Milano, Zohir Benhammou e i dipendenti della sede milanese che si sposteranno a Sesto San Giovanni.

La scelta del gruppo Alstom di realizzare a Sesto questo insediamento produttivo di eccellenza, è un significativo esempio di come l’attenta riconversione di aree dismesse possa costituire la base fondamentale per il rilancio del sistema produttivo della nostra città.


immagine dell’evento

“Insieme si può” festa del lavoro al Carroponte - Spazio MIL
1° maggio 2013

Il 1° maggio, festa dei lavoratori, il Comune di Sesto San Giovanni, i sindacati CGIL e CISL e le associazioni impegnate nel sociale hanno dedicato l’intera giornata al lavoro, alla solidarietà e alla giustizia sociale.
Dalle 12.30 fino a sera un intenso programma ha coinvolto gli spazi di via Granelli: pranzo solidale, spettacoli, cinema, approfondimenti e cena di solidarietà. Il ricavato è stato in parte devoluto al Fondo di solidarietà per il lavoro istituito dall’Amministrazione comunale. L’evento ha dato il via a un progetto di più ampio respiro e sindacati e associazioni costituiranno una rete solidale sul territorio impegnandosi in azioni comuni di contrasto alla povertà.

Vai alla data dell’incontro


immagine dell’evento

Festival “Vita di strada” allo spazio MIL e altri luoghi della città
4-5 maggio 2013

L’Archivio Giovanni Sacchi e Magutdesign hanno presentato il 4 e 5  maggio il festival “Vita di strada”, un evento totalmente autofinanziato e costruito sulla partecipazione volontaria e gratuita di diverse realtà. “Vita di strada” perché l’occupazione della strada è il tema centrale su cui è basato il progetto, “Vita di strada” perché la partecipazione di moltissime realtà sestesi è la più forte dimostrazione di quanto i cittadini abbiano voglia di vivere e riappropriarsi di un bene comune: la città.
Il programma si è sviluppato sulle due giornate con svariate attività sia allo Spazio MIL sia all’esterno: mostre, un mercato, attività per bambini, dimostrazioni all’aperto (Thai Chi, Yoga, Danza ecc.) e performance di artisti di strada.
Per l’occasione sono stati invitati due artisti domenicani, Yineida Fernandez Alvarez e Pedro Fabio Verasm, che hanno realizzato un murale su una facciata della scuola di via Fiorani.
Per tutto il periodo della manifestazione gli spazi dell’Archivio Giovanni Sacchi hanno proposto mostre e proiezioni inerenti l’evento. Per coinvolgere totalmente la città e i suoi abitanti, dai bambini agli anziani, sono state poste delle seggioline colorate davanti ad alcuni portoni a ricordo di quando le persone stavano sedute in strada a conversare. Inoltre, grazie alla partecipazione delle donne di Sesto, sono stati realizzati lavori all’uncinetto per coprire ringhiere, pali, panchine, cestini, sparsi per la città. 
La cittadinanza ha partecipato con piacere all’iniziativa nata per stimolare aggregazione, proprio perché la strada è sempre stata di tutti, e generare unione, coinvolgimento e quindi consapevolezza.

Vai alla data dell’incontro


immagine dello stabilimento Unione ex Falck

“Monumenti-Documenti della città delle fabbriche. Dentro la Falck tra passato e futuro”
passeggiata nelle aree dello stabilimento Unione
9 maggio 2013

Numerosi cittadini hanno accolto l’invito degli amici della biblioteca e giovedì 9 maggio hanno trascorso un intenso pomeriggio all’interno delle aree dismesse dello stabilimento Unione della ex Falck. Un cicerone d’eccezione, l’ex Sindaco Giorgio Oldrini, li ha accompagnati nella magica avventura tra ricordi, storie, aneddoti e prospettive di una città operaia.

Vai alla data dell’incontro


logo dell’archivio Giovanni Sacchi

“Autentico Contemporaneo” all’Archivio Giovanni Sacchi
16-19 maggio 2013

Giovedì 16 maggio l’Archivio Giovanni Sacchi ha presentato i risultati conclusivi del progetto biennale "Autentico Contemporaneo". Si tratta di un progetto di ricerca applicata, finanziato dal Politecnico di Milano in vista di Expo 2015, per la sperimentazione di un modello di progettazione guidata del patrimonio culturale delle maestranze artigianali e artistiche milanesi. L’evento ha proposto una conferenza internazionale, una mostra dei prototipi realizzati in collaborazione con i maestri artigiani, una tavola rotonda e due performance. L’iniziativa ha prodotto importanti risultati teorici e sperimentali, generando un aumento di conoscenza sul saper fare artigianale e sulla tipicità della maestranze artistiche milanesi. Ha inoltre sviluppato metodologie e strategie replicabili di valorizzazione, trasmissione, narrazione e rielaborazione del sapere. Ha attivato concrete possibilità di innovazione delle produzioni e dei processi artigianali per la realizzazione di nuovi prodotti. Sarà ora possibile, attraverso dispositivi mobili, consultare l’archivio documentale on line ricco di filmati, video interviste, foto e schede di approfondimento, che resteranno sempre accessibili sul sito internet del progetto.

Vai al sito


immagine dell’evento

"Notte dei Musei 2013". Apertura straordinaria della Galleria Campari
18 maggio 2013

Galleria Campari ha aderito per il primo anno alla "Notte dei Musei 2013" realizzando tre visite straordinarie di un’ora e mezza, articolate sui due piani dello spazio espositivo. I visitatori sono stati accompagnati in un lungo percorso artistico e hanno potuto vivere un’esperienza sensoriale, multimediale, dinamica e interattiva alla scoperta della storia del marchio nato nel 1860.
“Notte dei Musei” è il progetto europeo, patrocinato dall’UNESCO e dal Consiglio d’Europa, che promuove la cultura anche in orari insoliti, aprendo così a un ampio pubblico che non riesce solitamente a fruire di musei e aree archeologiche durante gli orari consueti. La fruizione gratuita di questi luoghi rappresenta, inoltre, un’occasione unica che consente a tutti di avvicinarsi ancora di più al nostro patrimonio culturale, facendo capire quanto esso sia un bene da amare, conoscere e rispettare.


immagine di Ceda

Addio Ceda!
23 maggio 2013

Il simbolo della Resistenza, Annunziata Cesani, per tutti “la Ceda”, ci ha lasciati questa notte a 86 anni, lasciando un profondo vuoto nella città che aveva tanto amato e dove era arrivata nel 1960.
Annunziata era nata a Imola e giovanissima aveva cominciato a lavorare come mondina. Sedicenne, aveva cominciato la sua attività di propaganda attiva come staffetta partigiana contro il regime fascista. Fu poi sempre impegnata in prima persona nella difesa dei valori di giustizia sociale, dei diritti dei più deboli e delle donne. Nel 1946 fu insignita dal Presidente del Consiglio della qualifica di partigiana combattente con il grado di sottotenente. Fu dirigente del partito comunista e assessore alla sicurezza e alla sanità del Comune di Sesto, dal 1982 ricoprì il ruolo di presidente dell’Anpi di Sesto e poi di vicepresidente provinciale dell’associazione partigiana. Un anno fa Ceda fu premiata dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione del 25esimo anniversario del concorso civico-letterario “Sesto e i suoi studenti”, che lei aveva promosso e sostenuto.
Venerdì 24 maggio, nella sala del Consiglio comunale, dove era stata allestita la camera ardente, chi l’ha conosciuta e amata ha potuto salutarla per l’ultima volta in una toccante commemorazione civile alla presenza delle autorità.

Leggi il comunicato stampa


logo dell’evento

Rassegna “Carroponte 2013” al Carroponte
30 maggio- 14 settembre 2013

Con Adam Green, ex bambino prodigio, ex Robin Hood indie nei Moldy Peaches araldo dell’anti-folk è partita il 30 maggio la quarta e attesissima stagione del Carroponte, l’ormai celebre arena estiva che, per il terzo anno consecutivo, ARCI Milano gestisce per conto del Comune di Sesto.
Carroponte è come un avvincente romanzo di formazione che guarda all’evoluzione del personaggio verso la maturità e l’età adulta, nonché alla sua origine storica per promuoverne l’integrazione sociale, per raccontarne emozioni, sentimenti, progetti, azioni viste nel loro nascere dal di dentro, è quindi davvero qualcosa di più di un semplice spazio per organizzare concerti. Una storia che testimonia la straordinaria capacità evocativa e aggregativa del luogo. Come un magnete capace di attrarre le migliori energie e idee in circolazione, assicura la diffusione della cultura a prezzi accessibili, con grandissimi nomi della musica italiana e mondiale. ARCI Milano, come di consueto, ha curato un calendario di eventi all’insegna della qualità artistica, dell’impegno e aggregazione sociale, della cultura e della convivialità.
Fino a settembre, i tre palchi inseriti nella suggestiva cornice del parco archeologico industriale ex Breda hanno ospitato le migliori realtà musicali e artistiche italiane e internazionali: dalla leggenda del rock Patti Smith ad Adam Green, da Nada a Marina Rei, da Neffa a Francesco Baccini, da Cat Power a Jonathan Wilson, da Glen Habsard agli Statuto e poi, per citarne solo alcuni: Lee Ranaldo, Devendra Banhart, Tricario, Roy Paci, Max Gazzè, i Perturbazione, Cristina D’Avena. Un lungo racconto tra culture lontane e culture vicine da scoprire e valorizzare, non solo musica, ma anche teatro, cabaret e danza per tutti i gusti, ecco alcune delle proposte:

  • la seconda edizione del “Prosa e Labora Festival”: dibattiti, spettacoli, letture, performance, mostre sul tema del lavoro, chiuso dallo spettacolo Fabbrica di Ascanio Celestini
  • il  “Mixitè festival”: 3 giorni di maschilità e femminilità non conformista, eccentrica, imprevedibile: spettacoli, concerti, debutti assoluti con tema l'inclusione nella differenza, la mescolanza in ogni sua forma, sia artistica che sociale
  • il concerto teatrale Song n. 14 con protagonisti Lorenzo Monguzzi e Marco Paolini
  • le novità assolute di quest’anno: la Grande Milonga che ha infiammato le arcate del Carroponte con la passione del tango argentino e i “Lunedì pizzicati” intonati dalle tamburiate e pizzicate dal sud Italia.

Grande partecipazione anche per “Sesto senza frontiere”, manifestazione durante la quale, domenica 2 giugno, è stata data la cittadinanza onoraria alle bambine e ai bambini stranieri nati a Sesto. Un’intera giornata di festa di animazione giochi, trasmessa in diretta da Radio Popolare e conclusa dal concerto spettacolo "Cittadini in transito" di Alma Rosè e l’Orchestra di via Padova, ha celebrato questo gesto dal forte valore simbolico che nasce dalla adesione alla campagna di Unicef “Io come tu. Tutti uguali davanti alla vita, tutti uguali di fronte alle leggi”.
Come sempre al Carroponte è stato possibile “So-stare” e approfittare della presenza della Libreria Interno4, del lounge Felicittà, un delizioso spazio dove fermarsi per godere in completo relax le serate in città, dell’area Mangia&Bevi con ristorante e polpetteria, una pizzeria e una griglieria/friggitoria per un ristoro a prezzi economici rispettando l’ambiente e i diritti di chi lavora.
Il tutto all’insegna della sostenibilità ambientale: utilizzo di materiali di recupero e di riciclo per l’area lounge, acqua gratis erogata solo da distributori collegati alla rete idrica e promozioni per chi arrivava in bici.
Sul sito www.carroponte.org oltre al programma aggiornato, è consultabile una scheda che ripercorre la storia dell’area archeologica ex Breda dal 1903, anno di apertura degli stabilimenti, a oggi.
“Carroponte” di quest’anno faceva parte di “A qualcuno piace Sesto”. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra l’Amministrazione comunale e molte realtà associative di Sesto San Giovanni, ha proposto, dal 18 giugno al 28 luglio, un programma culturale e ricreativo ricco e variegato: corsi e laboratori, teatro, cinema e musica, aperitivi, esposizioni d’arte e presentazione di libri, senza dimenticare la solidarietà e la partecipazione attiva dei cittadini.

Vai alla data dell’incontro


 logo dell’Archivio Giovanni Sacchi

“Non si uccidono così anche i grafici?” Open community Aiap all’Archivio Giovanni Sacchi
7-8 giugno 2013

L’Aiap - Associazione italiana design della comunicazione visiva, in occasione dell’assemblea annuale dei soci il 7 e 8 giugno, ha presentato all’Archivio Giovanni Sacchi lo speed-talk “Non si uccidono così anche i grafici?”, liberamente ispirato al celebre film di Sydney Pollack.
L’iniziativa era rivolta a grafici e designer con lo scopo di individuare, dare visibilità e monitorare la qualità, ma anche accrescere il senso di comunità della grafica italiana, la sua crescita collettiva, grazie a scambi, riflessioni, studi, sperimentazioni, innovazioni. I partecipanti hanno presentato un proprio progetto, scelto tra quelli realizzati nel corso degli ultimi tre anni, nelle categorie: editoria, packaging, branding e corporate image, progettazione strategica, type design, multimedia, video e digital publishing, allestimenti e archigrafia, design per la sostenibilità, ricerca, design per il sociale, interaction design. I progettisti selezionati sono stati invitati a presentare a rotazione, in 10 minuti, il proprio lavoro di fronte a un pubblico eterogeneo composto da esperti e non. L’evento ha dato modo di mettere in luce contenuti e motivazioni del progetto, spesso rivelando un mondo nascosto: il retrobottega del risultato finale, fatto di fermenti e impulsi, di risultati sotterranei, di evoluzioni inaspettate.
In questo contesto sono state inaugurate le mostre:

  • “The History of Infographics” una raccolta di infografiche storiche dalla collezione privata di Michael Stoll
  • “Crepax e l’editoria medico-scientifica: la rivista Tempo Medico” la collezione completa delle illustrazioni realizzate da Guido Crepax per la rivista medica
  • “Enzo Ragazzini. Foto-Grafiche Optical” una selezione di opere con sperimentazioni grafiche e optical
  •  “L’Arte della Felicità: Visioni de la Verità” esposizione dei manifesti selezionati al concorso nazionale riservato ai soci AIAP “Un manifesto per La Verità” (Napoli, 2012).

Vai alla data dell’incontro (Il progetto)
Vai alla data dell’incontro (Il programma)


Immagine dell’evento

“Il paese industriale (1964)”. Mostra fotografica di Ernesto Fantozzi in villa Mylius
7-23  giugno 2013

Venerdì 7 giugno in villa Mylius è stata inaugurata la mostra fotografica di Ernesto Fantozzi “Il paese industriale (1964)", organizzata da Isec e Circolo fotografico milanese, in collaborazione con Fiaf (Federazione italiana associazioni fotografiche).
Enesto Fantozzi, socio del Circolo fotografico milanese dal 1958, uno tra i fondatori del Gruppo 66 e maestro Fiaf 2003, ha proposto un reportage, in gran parte inedito, realizzato nel 1964. Cinquanta scatti in bianco e nero che colgono il senso profondo delle trasformazioni antropologiche e sociali, prima ancora che economiche, dei paesi del Nord Milano negli anni del miracolo economico. Una lezione di metodo preziosa per chi a quei processi guarda oggi con gli occhi dello storico, ma anche per tutti coloro che sono interessati alla memoria visiva del nostro recente passato.

Vai alla data dell’incontro

     

Le iniziative del 2013 da aprile a giugno si trova in:

STAMPA

copertina della rassegna eventii luoghi di Sesto dove si organizzano iniziative

Ufficio

Sesto San Giovanni per l'UNESCO
piazza della Resistenza n. 20
Sesto San Giovanni (Mi)
tel:02.2496386/309
fax:02.2496312
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su