Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Sesto San Giovanni per l'Unesco

 

09. La città si mobilita - The Township Rallies Round

Le iniziative del 2011 da giugno ad agosto

immagine dell’evento

Il Quartiere Pelucca Falck osservato dagli extraterrestri alla scuola Luini
8 giugno 2011

L’intrigante progetto che ha preso vita nel Quartiere Pelucca Falck coinvolgendo i bambini della scuola Luini è stato svelato l’8 giugno in occasione della festa di fine anno quando la scuola ha aperto alla città i locali completamente rinnovati e riqualificati con una palestra nuova fiammante, dopo i lavori di sistemazione appena conclusi. Mentre noi eravamo affaccendati nelle nostre occupazioni, qualcuno ci osservava da lontano: Gas, Ciccio, Prof-Prof, Gambeaspillo, i quattro alieni disegnati dagli alunni, hanno aiutato tre marziane del Villaggio Falck - le sorelle Angela, Leonarda e Silvana Rovelli - a raccogliere numeroso materiale che racconta la storia del quartiere. I cassetti, le vecchie cassapanche, i solai, le cantine sono stati ispezionati meticolosamente: le fotografie, le testimonianze, i dati sono stati raccolti e messi a disposizione degli alunni e delle loro maestre. Gli attenti occhi degli extraterrestri hanno così fatto riemergere il passato del Villaggio Falck nel quale i ragazzi hanno potuto fare un lungo viaggio per poi tornare al presente e immaginare le evoluzioni future della vita degli abitanti del quartiere. Da tutto questo lavoro è nata una stupenda mostra allestita nella scuola: lo spettacolare modellino del Carroponte che ha vinto il primo premio del concorso “Salviamo la memoria” bandito dall’atelier economico della Banca di Credito Cooperativo; accanto a questo i disegni, le fotografie, il plastico di una città futura sognata sia per gli adulti che per i bambini con tanto verde, orti, frutteti, campi da gioco, teatri, spazi dedicati ai servizi e un luogo riservato a tutti i culti religiosi, hanno lasciato a bocca aperta il numeroso pubblico giunto… forse, anche dallo spazio!

Vai alla pagina dedicata


Logo dell’Archivio Giovanni Sacchi

“Parliamone...” Il progetto e i suoi contenuti all’Archivio Giovanni Sacchi
15 giugno-11novembre 2011

L’archivio Giovanni Sacchi ha aperto i sui spazi all’iniziativa “Parliamone...” - parole, informazioni e dibattiti dedicati al progetto e ai suoi contenuti: tre appuntamenti, ricchi di stimoli e spunti, in cui si è discusso di design, modelli, arte, architettura, musica …
Questo il programma

  • mercoledì 15 giugno, Il mestiere dell’artigiano architetto - progetti di resistenza e linguaggio omologato con Mirko Mejetta e Sabrina Greco
  • mercoledì 22 giugno, Culto dei monumenti, civiltà operaia, Comune, con il prof. Sandro Scarrocchia e gli allievi del V anno di restauro dell’Accademia di Brera
  • mercoledì 29 giugno, Un allestimento per la storia "Fare gli italiani" mostra per 150 anni dell’unità d’Italia con Paolo Rosa di Studio Azzurro
  • giovedì 21 luglio, Il Parco Media Valle del Lambro come progetto di scala metropolitana? Se ne è parlato con  Luca Ceccattini, presidente del parco
  • giovedì 7 ottobre, Incontro con l’artista Luciano Molinari. Nei giorni successivi, sino al 20 ottobre, attraverso un atelier aperto, il pubblico ha potuto seguire il procedimento creativo dell’artista che ha realizzato un’opera attraverso l’accostamento di piccole tessere di legno policrome. Dal 21 ottobre all’11 novembre poi, è stato possibile visitare la mosta a lui dedicata, allestita a cura dell’Archivio.
  • giovedì 20 ottobre, Presentazione del film Memoria operaia a Sesto di Federica Ravera. Una semplice telecamera in mano e l’incontro casuale con due ex operai della Falck bastano per raccontare il presente e il passato. Con Bonacina Samuele Antonio di Zanica, operaio Falck dal 1951 al 1979 reparto Unione sezione gru e Bonacina Battista di Zanica, operaio Falck dal 1949 al 1984, caporeparto sezione Unione reparto acciaieria.


Logo dell’Urban Center

Mostra “La Città in movimento” all’Urban Center di Villa Puricelli Guerra
16-30 giugno 2011

L’Urban Center nella sala del camino di Villa Puricelli Guerra ha messo in mostra i temi, le attività e il coinvolgimento della nostra città all’interno della rete tematica del programma europeo URBACT II per lo sviluppo urbano sostenibile che ha messo in rete otto città: L’Hospitalet de LLobregat (Spagna) capofila del progetto, Sesto San Giovanni (Italia), Nanterre (Francia), Salford (Inghilterra), Haidari (Grecia), Sacele (Romania), Kladno (Repubblica Ceca), e Barakaldo (Spagna).
La mostra ha presentato il percorso di trasformazione di tre diverse aree di Sesto San Giovanni, sostenuto dal programma Net-TOPIC, ed elaborato con la progettazione partecipata della cittadinanza. Net-TOPIC, finanziato dalla comunità europea, è nato con l’obiettivo di rafforzare la rete di comuni periferici che hanno in comune problematiche come il declino industriale o la frammentazione territoriale, stimolare il confronto, migliorare l’efficacia del lavoro locale, costruire le linee guida e gli strumenti tecnici e politici per affrontare i processi di trasformazione per giungere a un nuovo modello di sviluppo urbano.
All’interno della mostra, il 27 giugno, è stato organizzato il seminario pubblico: Dalla dismissione industriale alla rigenerazione urbana in Europa che ha permesso di conoscere i protagonisti dei Piani di Azione Locale e i dettagli dei nuovi modelli di città a cui i protagonisti di Net-TOPIC aspirano e per i quali hanno lavorato per due anni.
Al seminario hanno partecipato:

  • Demetrio Morabito, Vicesindaco del Comune di Sesto San Giovanni
  • Fernando Barreiro del Centro di ricerca Teonetwork di Barcellona, responsabile scientifico della rete tematica NeT-TOPIC
  • Dino Gavinelli, docente di geografia urbana all’Università di Milano
  • Alessandro Casati, architetto del Comune di Sesto San Giovanni, coordinatore locale del piano di azione sviluppato nell’ambito di NeT-TOPIC
  • Monica Moschini, architetto, esperta di comunicazione delle trasformazioni urbane e di progettazione partecipata.

Leggi il comunicato stampa 
Vai alla data dell’incontro


immagine dell’evento

“Chi vuol essere Garibaldi?” Grande quiz sui 150 anni dell’Unità d’Italia al Carroponte
23 giugno 2011

Centocinquant’anni di storia patria in forma di quiz: dalla monarchia di Mike Bongiorno alla repubblica di Gerry Scotti; l’evento, organizzato dal Comune di Sesto e da Radio Popolare, all’interno delle iniziative per i 150 anni dell’Unità d’Italia, ha animato giovedì 23 giugno la serata del Carroponte. L’ironica regia de La banda con Yuki, Ciro Infantozzi, Leolino, Jam Burrasca, Disma Pestalozza, Gianmarco Bachi e la partecipazione di Yuki Kumagawa in veste di valletta, hanno messo in scena un satirico viaggio nella storia della televisione italiana per mezzo dello strumento che ha contribuito in maniera rilevante a costruire il linguaggio collettivo e l’identità nazionale: il quiz a premi.
I concorrenti, quattro agguerritissimi sindaci - Giorgio Oldrini di Sesto San Giovanni, Daniela Gasparini di Cinisello Balsamo, Rosalba Colombo di Arcore ed Enrico Sozzi di Settala - si sono sfidati sino all’ultima domanda accompagnati dall’orchestra degli Ottavo Richter. Dopo uno spareggione da cardiopalma con Daniela Gasparini, il Sindaco di Sesto San Giovanni Giorgio Oldrini, tra le ovazioni e sulle note di Pisapia canaglia, si è aggiudicato l’ambito trofeo "Lascia o risorgi".
A entusiasmare gli oltre tremila presenti, sono intervenuti anche Ricky Gianco, i comici Bove & Limardi, il mitico professor Di Stefano e per la prima volta Fango e i Ventilatores, band formata da giornalisti di cronaca giudiziaria - Gianni Barbacetto, Mario Portanova e Giampiero Rossi - che hanno proposto i brani Confessa, una rivisitazione della famosa canzone Contessa di Paolo Pietrangeli e Giustizia.

Leggi il comunicato stampa
Guarda la conferenza stampa on line
Vai alla data dell’incontro


Logo Sesto San Giovanni per l’UNESCO 

Raccolta di adesioni ad Amico della candidatura di Sesto San Giovanni a patrimonio mondiale dell’umanità dell’UNESCO alla festa di San Giovanni
24-27 giugno 2011

Nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza alla candidatura di Sesto San Giovanni a patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, dal 24 al 27 giugno durante la festa di San Giovanni, patrono della Città, il comitato di sostegno ha riproposto la raccolta di adesioni per diventare Amico della Candidatura. Numerosissimi cittadini hanno visitato il gazebo, appositamente allestito in piazza della Resistenza, dove i membri del comitato hanno distribuito materiale informativo e, con l’ausilio di pannelli illustrativi, spiegato il percorso di candidatura. A tutti i nuovi Amici e sostenitori iscritti è stato consegnato un piccolo gadget. Sabato 25 e domenica 26 giugno, inoltre, sono state organizzate visite guidate a piedi nelle aree ex Falck dove è stato possibile visitare i vecchi stabilimenti oggetto della candidatura. Gli Amici della candidatura ad oggi sono 757.


Immagine dell’evento

Commemorazione dei partigiani Pantaleo De Candia e Luciano Migliorini davanti alla Chiesa di San Giorgio al villaggio Falck
29 giugno 2011

In occasione del 66° Anniversario della Liberazione, il Comitato Antifascista di Sesto San Giovanni ha commemorato i partigiani Pantaleo De Candia - operaio della Breda -  e Luciano Migliorini - operaio della Falck - assassinati dai fascisti il 28 giugno 1944 al Villaggio Falck. Davanti alla chiesa San Giorgio, oltre a Giorgio Oldrini - Sindaco di Sesto San Giovanni - e a Sara Valmaggi - Consigliere Regionale - si sono ritrovati  numerosi cittadini sestesi che hanno voluto così testimoniare e riaffermare con la loro presenza, gli ideali democratici a difesa della pace e libertà.

Vai alla data dell’incontro


Logo della Galleria Campari

In mostra i vincitori del “Premio Artgallery 2011” alla Galleria Campari
30 giugno -15 luglio 2011

La Galleria Campari ha ospitato dal 30 giugno al 15 luglio 2011 la doppia mostra personale dei vincitori del premio Artgallery 2011. In considerazione del successo della prima edizione, Artgallery 2011 si è arricchita e ha dato un’opportunità anche a giovani designer introducendo una nuova area a loro dedicata. Il fotografo Matteo Cremonesi - con l’opera Le Juif Erran - e la stilista Margherita Matticari - con la borsa Concorde - hanno vinto dopo una competizione lunga e difficile. I finalisti, infatti, sono stati selezionati tra oltre 800 iscritti che costituivano un panorama rappresentativo delle più svariate tecniche: pittura, fotografia, grafica digitale, design, scultura e installazioni. La quantità e l’alta qualità delle opere presentate, che ha seriamente impegnato la giuria composta da alcuni tra i più autorevoli rappresentanti del mondo dell’arte, della cultura e delle imprese, ha pienamente centrato lo scopo principale del premio: quello di promuovere e dare visibilità ai giovani artisti emergenti. Una menzione al premio speciale Artgallery è stato inoltre assegnato al giovane artista Riccardo Gavazzi.


Immagine forno T3 della ex Falck

Presentato in Consiglio comunale il progetto per le aree Falck
13-14 luglio 2011

Mercoledì 13 e giovedì 14 giugno 2011 è stato illustrato al Consiglio comunale il piano di trasformazione per le aree Falck presentato da Sesto Immobiliare. È stato un confronto interlocutorio durante il quale il Vicesindaco, in attesa che gli uffici tecnici completino l’istruttoria, ha avuto modo di commentare il progetto e i benefici che la sua attuazione porterebbe non solo alla Città ma a tutto il Paese. I collaboratori dello studio di Renzo Piano hanno poi schematizzato la proposta con la proiezione di diapositive. Si tratta del più grande progetto unitario di riqualificazione industriale d’Europa, quantificato in 4 miliardi di euro, per la valutazione del quale il  Sindaco si è appellato al senso di responsabilità di tutti i Consiglieri al fine di giungere al più presto alla sua realizzazione.

Vai alla data dell’incontro
Guarda on line la seduta del Consiglio Comunale


logo Made in MAGE

Laboratorio di videotessitura al MAGE
23 luglio 2011

Da luglio ad ottobre il progetto “Change!”, la rassegna dedicata alle culture del mondo curata da Bloom e realizzata con il contributo della Fondazione comunitaria Nord Milano e la con la collaborazione del comune di Sesto San Giovanni, è approdata nella nostra città. All’interno delle numerose proposte (laboratori, musica, mostre, reading, cene e proiezioni), che hanno animato la vita cittadina, sabato 23 luglio al MAGE lo Spazio Laafia ha proposto un laboratorio di videotessitura per la realizzazione di un capo-accessorio di moda sostenibile. I partecipanti, guidati da un sarto africano e da una modellista italiana, hanno potuto realizzare una TopBag e produrre una videoetichetta, il tutto in linea con il progetto di moda etica Laafia che promuove uno stile di vita consapevole, attenta al rispetto dei diritti dei lavoratori, all’importanza del riutilizzo e del riciclo dei materiali ed alla valorizzazione della storia e della qualità di ciò che si sceglie di indossare.

Vai alla data dell’incontro


immagine della copertina di MilanoMese

Dalla Provincia di Milano un appello per diventare Amici della candidatura di Sesto San Giovanni per l’UNESCO.
Agosto 2011

Sul numero di agosto di MilanoMese, la rivista di informazione culturale e del tempo libero curata dalla Provincia di Milano, è stato pubblicato un appello a diventare Amici della candidatura di Sesto San Giovanni per l’UNESCO. L’invito è rivolto ai cittadini che vogliono condividere un progetto che renderebbe un territorio della Provincia di Milano patrimonio dell’intera umanità. Sesto San Giovanni si è trasformata nel volgere di pochi anni, all’inizio del ’900, da borgo agricolo suburbano frequentato dai ricchi milanesi per la villeggiatura fuori porta a uno dei principali poli industriali italiani. La storia della città è strettamente connessa alla storia delle sue grandi fabbriche che ne hanno segnato il paesaggio per l’intero secolo. Al fine di far conoscere meglio Sesto, il suo territorio, la sua storia e i recenti interventi di trasformazione dei luoghi oggetto della candidatura, sul sito VisitaMilano l’amministrazione provinciale ha inoltre pubblicato itinerari di visita della nostra Città: il Parco archeologico Breda, lo Spazio MIL, l’Archivio Sacchi e la Galleria Campari.

Vai al sito


immagine dell’evento

Il Sindaco Giorgio Oldrini guida una visita alle nuove realizzazioni: dieci anni che hanno cambiato la città.
4 agosto 2011

Giovedì 4 agosto il Sindaco Giorgio Oldrini ha accompagnato giornalisti e fotografi alla scoperta di alcune delle molte realizzazioni che hanno cambiato la città negli ultimi dieci anni: dal restauro della settecentesca Villa Mylius, oggi sede della Fondazione ISEC, alla direzione del gruppo Campari, sorta al posto della vecchia fabbrica, che nell’edificio storico del 1904 ospita la Galleria Campari. Il tour è proseguito quindi con l’area della ex Ercole Marelli, oggi sede dell’Università degli studi di Milano (corso di laurea in Mediazione linguistica e master di Giornalismo) e di grandi imprese all’avanguardia come ABB, Medtronic, Alstom. Proprio ieri la Giunta Regionale ha deliberato l’avvio delle procedure che accompagneranno l’iter del PII Falck mediante un l’accordo di programma quadro che darà valenza sovracomunale alla trasformazione dell’area.
La visita si è conclusa nell’ex area Breda, interamente recuperata e restituita ai cittadini, dove si trova Spazio MIL con il ristorante Il Maglio, il teatro gestito da Tieffe Teatro, l’Archivio Giovanni Sacchi che conserva il laboratorio, i disegni e i modelli in legno del grande artigiano sestese. Tappa finale al monumentale Carroponte della Breda che smistava i rottami di ferro e oggi luogo di spettacoli all’aperto gestito da Arci Milano: centomila presenze l’estate scorsa, premio MEI per il miglior live club all’aperto 2010.
“Sesto San Giovanni in questi dieci anni è cresciuta ed è cambiata attraverso queste e altre realizzazioni, ha detto il Sindaco durante la visita. Del resto, ha continuato Oldrini, la vocazione all’innovazione è nel DNA della città: ieri in breve tempo diventò la città delle fabbriche e inventò prodotti e processi produttivi che hanno fatto la storia dell’industria italiana. Oggi è riuscita, in pochi anni, a trasformare centinaia di migliaia di metri quadrati di fabbriche dismesse in abitazioni, nuove produzioni, servizi avanzati, giardini e grandi poli della cultura e della formazione. Anche in queste settimane continuiamo al lavorare per proseguire sulla stessa strada”.

Leggi le schede dei luoghi visitati


Logo delle aree ex Falck

Prende avvio l’iter burocratico del piano Falck.
8, 19, 24 agosto, 9 settembre, 7 ottobre 2011

È iniziato il lungo cammino burocratico per la rinascita delle aree ex Falck, un progetto  fondamentale per il futuro della città. Si tratta, infatti, di un’imperdibile occasione di crescita economica e sociale, e di una grande opportunità di lavoro e sviluppo.

Le iniziative del 2011 da giugno ad agosto si trova in:

STAMPA

copertina della rassegna eventii luoghi di Sesto dove si organizzano iniziative

Ufficio

Sesto San Giovanni per l'UNESCO
piazza della Resistenza n. 20
Sesto San Giovanni (Mi)
tel:02.2496386/309
fax:02.2496312
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su