Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Sesto San Giovanni per l'Unesco

 

09. La cittŕ si mobilita - The Township Rallies Round

Le iniziative del 2011 da aprile a maggio

immagine dell’evento

"Sesto e dintorni” concorso per artisti emergenti al Carroponte
aprile-settembre 2011

Il Carroponte, che nella scorsa stagione ha ospitato i più importanti nomi del panorama musicale italiano e internazionale e, premiato come miglior arena estiva al MEI di Faenza, ha aperto i battenti quest’anno con il concorso “Sesto e dintorni”, ideato e organizzato dal gestore della struttura, Arci Milano, con il patrocinio del Comune di Sesto San Giovanni. L’iniziativa, rivolta alle band giovanili emergenti presenti sul territorio sestese e dei comuni limitrofi, è stata voluta con il preciso scopo di dare opportunità e visibilità ai quei giovani talenti a cui sempre meno vengono dedicati spazi, attenzioni e occasioni, evidenziando ancora una volta l’importanza del Carroponte come luogo di riferimento sociale, culturale e aggregativo.
Da aprile a settembre una grande kermesse ha coinvolto decine di gruppi che hanno avuto modo di mettersi in gioco, confrontarsi e farsi conoscere. Arduo il compito della commissione giudicatrice che, tra i numerosissimi partecipanti, ha selezionato e scelto i migliori progetti ai quali è stata data la possibilità di esibirsi durante la stagione estiva, come band di apertura dei concerti di maggior rilievo.


Immagine dell’evento

“25 aprile: lo Sport e la Resistenza”
10 aprile-26 giugno 2011

Come tradizione, anche quest’anno le società sportive sestesi si sono mobilitate in omaggio alla Resistenza proponendo una serie di eventi che hanno animato la Città dal 10 aprile al 27 giugno. Centinaia di giovani si sono sfidati lealmente e tenacemente in onore degli ideali di libertà e democrazia per i quali sono caduti numerosi martiri sestesi.
All’interno del nutrito programma si sono alternati nei vari spazi cittadini gare di nuoto, competizioni di pattinaggio a rotelle o su ghiaccio, hockey, corse in bicicletta, esibizioni di danza e di ginnastica artistica. Domenica 8 maggio gli spazi del Carroponte hanno fatto da sfondo al 5° Trofeo della Resistenza di pattinaggio freestyle organizzato dall’associazione sportiva ANPILINE, valido per il campionato regionale lombardo F.I.H.P. L’evento, dedicato principalmente allo slalom e al pattinaggio freestyle, ha entusiasmato il pubblico per l’ardore dimostrato dai pattinatori che si sono affrontati per conquistare l’accesso ai campionati italiani.

Vai alla data dell’incontro


Logo della Galleria Campari

Apertura straordinaria della Galleria Campari
12-16 aprile 2011

La Galleria Campari di viale Gramsci ha regalato agli amanti e curiosi del design un’apertura straordinaria dal 12 al 16 aprile. Numerosissimi appassionati hanno potuto così ripercorrere la storia del marchio Campari attraverso proiezioni multimediali, percorsi sensoriali, caroselli e campagne pubblicitarie di oggi e di ieri. In questa occasione il patrimonio artistico di Galleria Campari è stato arricchito dall’esposizione di 30 chine a firma Fortunato Depero tratte dal “Libro Unico Futurista” dedicato all’amico Davide Campari nel 1932. Le opere erano visibili al pubblico grazie a un’interazione appositamente studiata da Cogitanz.

Vai alla data dell’incontro


Logo dell’Archivio Giovanni Sacchi

DeDe il meme del design all’Archivio Giovanni Sacchi allo Spazio MIL
16 aprile 2011

In occasione del Salone Internazionale del Mobile 2011, la maggiore manifestazione internazionale dedicata al design, l’Archivio Giovanni Sacchi sabato 16 aprile ha ospitato l’evento “Dede il meme del design” curato dalla compagnia musical-teatrale QuindiQuando con allestimento a cura di MagutDesign e in collaborazione con l’Archivio. L’idea è nata dall’unione delle parole design e meme, concetto intorno al quale si è articolata tutta la serata. Il meme è un’entità di informazione relativa alla cultura umana, che è replicabile dalla mente o un supporto simbolico della memoria, come un libro; qualsiasi cosa possa essere comunemente imparata e trasmessa ad altri. Meme è la superstizione, un poema epico, un proverbio o una filastrocca, è una canzone che non si riesce a smettere di cantare.
Il ristorante il Maglio per l’occasione ha proposto un aperitivo con sottofondo musicale e, a cena, il gustoso Baccalà alla Sacchi, cucinato in base alla ricetta originale del modellista.

Vai alla data dell’incontro


Immagine dell’evento

Mostra “Il popolo con la valigia” nell’atrio del palazzetto comunale
4 maggio-22 settembre 2011

Pensata per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia dagli allievi dell’Istituto statale d’istruzione superiore Altiero Spinelli, l’interessante mostra “Il popolo con la valigia - 150 anni di storia dell’Unità tra emigrazione e immigrazione” è rimasta esposta nell’atrio del palazzetto comunale dal 4 maggio al 22 settembre all’interno del nutrito programma definito dall’amministrazione comunale “150 di questi anni: Impegno civile, cultura, spettacolo”. L’Italia che da sempre è stata terra di emigranti è diventata oggi paese di immigrati. Questa verità storica, piena di incognite ma anche di opportunità e ricchezze, ha costituito il filo conduttore dei sei totem della mostra: la voglia di un futuro diverso, le speranze di riscatto, l’allontanamento come sofferenza dolorosa, la difficoltà dell’integrazione e i pregiudizi che il fenomeno migratorio porta con sé.


Logo dell’Urban Center

Inaugurato l’Urban center con la mostra “Fare città oggi” in villa Puricelli Guerra
11 maggio 2011

Mercoledì 11 maggio è stato inaugurato l’Urban center, uno spazio dedicato alle trasformazioni della città: i cantieri pubblici aperti e i progetti per dare un volto nuovo a Sesto San Giovanni. Il servizio informativo del centro si baserà su diversi livelli di approfondimento: da quello costante su ciò che avviene in città e che non necessita della guida di un esperto, ad appuntamenti dedicati a temi specifici. L’Urban center si propone come un luogo di dibattito, riflessione, scambio di proposte e idee. In questo ambito nei locali di villa Puricelli Guerra è stata allestita la suggestiva mostra “Fare città oggi”, curata dal prof. Giancarlo Consonni e dal Laboratorio di Progetto urbano e di paesaggio della Facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano, che il pubblico ha potuto visitare sino al 12 giugno. La mostra, incentrata sul recupero delle aree ex Falck, era composta da pannelli e plastici di grande impatto visivo, ricchi di spunti riflessivi e di ispirazioni, nei quali i grandi monumenti dell’archeologia industriale sestese si trasformavano in suggestivi luoghi che tornano a vivere, nuovi protagonisti di un contesto urbano e sociale. Il progetto ha voluto da un lato coinvolgere gli studenti della Facoltà su un tema di rilevanza sociale come quello del "fare città" e, nel contempo, offrire alla collettività elementi per una riflessione e una crescita civile sul tema delle trasformazioni territoriali.

Vai al sito
Guarda la conferenza stampa on line


immagine dell’evento

La spedizione dei Mille e l’Extrafesta 2011 al Carroponte
14 maggio 2011

In occasione di Extrafesta 2011, la tradizionale kermesse organizzata da Radio Popolare per ristabilire un dialogo, festoso e condiviso tra italiani e migranti nel nome di una legittima accoglienza, gli organizzatori hanno voluto celebrare nel modo più iconoclasta e spiazzante il 150° anniversario dell’unità d’Italia. Sabato 14 maggio cantando a squarciagola l’inno di Mameli in versione rivista e rinnovata, circa 4000 persone (67 le nazioni rappresentate!): sestesi, migranti, stranieri di prima, seconda o terza generazione, neo-italiani dai molteplici colori di pelle ma in rigorosa camicetta rossa, dal Rondò di Sesto si sono mossi in una marcia festosa. Tra due ali di folla plaudente, accompagnati dalla Banda d’Affori e da un simil Giuseppe Garibaldi e Anita a cavallo, sono sbarcati al Carroponte, dove li aspettava l’appuntamento con le musiche di Extrafesta. La Mamud Band ha aperto le danze con il suo torrido afro-beat, poi l’attesissimo concerto dell’algerino Khaled l’ambasciatore del pop räi, la nuova musica del Maghreb, ha surriscaldato l’atmosfera sino a notte fonda. Una splendida serata per una nuova unità e una nuova integrazione.

Leggi il comunicato stampa
Vai alla data dell’incontro


Logo Sesto San Giovanni per l’UNESCO

Da Amsterdam alle aree Falck
19 maggio 2011

Giovedì 19 maggio una delegazione olandese composta da due membri dell’Università di Amsterdam, Willem Salet e Stan Majoor, un rappresentante del Dipartimento di Pianificazione di Amsterdam, Koos van Zanen, e due membri del Ministero delle Infrastrutture e dello Sviluppo, Bart Vink e Marijn van der Wagt, è stata accompagnata dal Vicesindaco Demetrio Morabito in visita  all’interno delle aree ex Falck. La delegazione era a Milano su invito del Politecnico di Milano per portare l’esperienza delle regioni di Randstad e Amsterdam in tema di strumenti di pianificazione e di trasformazioni strategiche e per conoscere la situazione e i progetti relativi alle are Falck e a Expo. la discussione si è svolta nell’ambito del seminario “Fiom vision lo transformations”, organizzato del Dipartimento di Architettura e Pianificazione. Durante la tappa nella nostra città, il Vicesindaco ha avuto modo di illustrare direttamente sul campo alla delegazione olandese le ipotesi progettuali di trasformazione e riconversione di alcune delle aree candidate a divenire patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO.

Leggi il comunicato stampa


logo della Galleria Campari

Mostra "A new Day” alla Galleria Campari
19 maggio-30 giugno 2011

In mostra dal 19 maggio al 20 giugno 2011, per la prima volta in Italia, una selezione di opere di Romero Britto. L’evento ha dato modo di presentare la nuova etichetta, creata dal grande artista brasiliano da un adattamento della sua famosa opera "A New Day" che rappresenta cuore rosso al centro di un’esplosione di colori simbolo dell’energia e della vita. L’etichetta, che vestirà un’edizione limitata di bottiglie Campari celebrandone l’immagine, corona anni di collaborazione e di sintonia tra Britto e la Campari, convinti assertori e promotori di una espressione artistica  accessibile a tutti.

Vai alla data dell’incontro


immagine dell’evento

Sesto, l’UNESCO e il turismo: tre giorni di visite guidate, appuntamenti e laboratori
20-22 maggio 2011

A Sesto San Giovanni dal 20 al 22 maggio si sono realizzate una serie di iniziative che hanno permesso di ripercorrere il profondo mutamento del paesaggio urbano e le trasformazioni del territorio avvenute in città, documentazioni e dati che testimoniano il percorso di un luogo che da iniziale borgo agricolo si è trasformato in uno dei più grandi poli industriali nazionali.
Attraverso una tavola rotonda, visite guidate nei luoghi di eccellenza della città, immagini e documenti storici, dipinti, laboratori per bambini e uno spettacolo teatrale, si è potuto comprendere l’evoluzione avvenuta a Sesto da città delle fabbriche al percorso di candidatura nelle liste del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO, fino all’arrivo di innovativi percorsi turistici di archeologia industriale organizzati all’interno delle strutture riqualificate.
Il programma è stato predisposto dalla circoscrizione 3 in collaborazione con il Comune, con il patrocinio della Provincia di Milano, per promuovere una città sempre più proiettata verso il futuro ma impegnata anche nelle valorizzazione del patrimonio industriale, e per preparare il territorio ad accogliere il prevedibile afflusso di visitatori che convergeranno da tutto il mondo verso la metropoli milanese in occasione di Expo 2015.
Inoltre, per proseguire la raccolta di iscrizioni degli “Amici della candidatura di Sesto San Giovanni per l’UNESCO”, sabato 21 e domenica 22 maggio è stato allestito un tavolo all’esterno di Spazioarte dove numerosi cittadini hanno potuto conoscere e aderire al percorso di candidatura.

Vai alla data dell’incontro


logo dell’Archivio Giovanni Sacchi

Mostra "Dammi una mano: il lavoro manuale tra progetto, modello e oggetto. I modelli di Filippo Zagni" all’Archivio Giovanni Sacchi
20 maggio-29 luglio 2011

Dal 20 maggio al 29 luglio l’Archivio Giovanni Sacchi ha presentato la mostra "Dammi una mano: il lavoro manuale tra progetto, modello e oggetto. I modelli di Filippo Zagni".
Protagonista dell’esposizione è stato il lavoro manuale e artigianale del modellista Filippo Zagni, collaboratore di Giovanni Sacchi durante gli ultimi anni di apertura della sua Bottega in via Sirtori, e oggi affermato professionista.
L’esposizione ha rappresentato l’occasione per approfondire la condizione contemporanea dell’attività di modellista e per dimostrare come questo mestiere sia ancora attuale e fondamentale nel campo della progettazione. Giovanni Sacchi, infatti, è stato il suo maestro, ma sopratutto il primo modellista, una figura che oggi, in seguito ai cambiamenti emersi con l’avvento del computer e di materiali innovativi, si è evoluta adeguandosi alle esigenze delle aziende e dei progettisti contemporanei.

Vai alla data dell’incontro


Immagine dell’evento

“Quaderni di guerra” presentazione del libro di Antonio Granelli in villa Puricelli Guerra
25 maggio 2011

A cura della Biblioteca Civica e dell’Archivio del Lavoro, mercoledì 25 maggio in sala affreschi di villa Puricelli Guerra è stato presentato il libro tratto dal diario di Antonio Granelli, “Quaderni di guerra”.
Nell’opera, preceduta da una breve memoria sulla formazione operaia nell’emigrazione, l’autore ha narrato le proprie vicende legate alle campagne della guerra di Libia e della Prima guerra mondiale. Gli episodi riferiti da Granelli ci raccontano di come, nonostante si sia impartita al popolo italiano la cultura sanguinosa della nazione armata, lo stesso sia riuscito a mantenere viva la coscienza di sé e della propria dignità. L’opera costituisce una importante fonte per esaminare dall’interno il segno lasciato sulle classi popolari dalle guerre combattute in un’epoca in cui gli eserciti non erano composti da professionisti, ma da cittadini-soldati.
Sono intervenuti 

  • Giorgio Oldrini, Sindaco di Sesto San Giovanni 
  • Luigi Ganapini, Università di Bologna 
  • Luigi Trezzi, docente di Storia Economica Università degli Studi di Milano Bicocca

Coordinatore Maurizio Magri, Archivio del lavoro.

Vai alla data dell’incontro


Logo Carroponte

Rassegna “Carroponte 2011”
26 maggio-18 settembre 2011

Dopo il grande successo della scorsa stagione che, con 100.000 spettatori, 120 serate di teatro, musica live, djset, è valsa la Targa MEI di Faenza (Meeting etichette indipendenti), per il miglior live club italiano 2010, anche quest’anno è stata riproposta la rassegna “Carroponte 2011”. Caratterizzata dallo slogan La Cultura è Casa Nostra, la rassegna giovedì 26 maggio ha aperto i battenti con l’Orchestra di via Padova. L’ormai celebre ensemble multietnico, nato a Milano nel 2006, ha presentato l’ultimo lavoro "Stanotte", nato dalla appassionata ricerca di sonorità di culture diverse raccontate con una musica dai forti connotati urbani. Fino al 18 settembre poi, tutte le sere, il variegato cartellone estivo con artisti nazionali e internazionali, da Ludovico Einaudi, ai Calibro 35, dai Nofx a Paolo Benvegnù, da Natasha Atlas a Caparezza, da Mannarino a Tonino Carotone, da Quintorigo a Fabri Fibra, ha animato l’estate sestese proponendo artisti nazionali e internazionali di altissimo livello all’insegna dell’arte, della cultura, dell’aggregazione e della convivialità.
Queste alcune delle novità offerte dal progetto di quest’anno:

  • So-stare: Al Carroponte non si passa, al Carroponte si so-sta. La sua vocazione sociale e aggregativa ha proposto da un cartellone con tante attività rivolte ai giovani, alle famiglie, ai più piccini. La libreria, realizzata in collaborazione con NdA, aperta tutti i giorni dalle 19 all’1, ha costituito il volano per le numerose presentazioni di libri.
  • Ad aprire i concerti sono state chiamate le band del territorio sestese e dei Comuni limitrofi, selezionate attraverso il concorso “Sesto e dintorni”, nell’ottica di valorizzare il rapporto con il territorio e di offrire ai giovani opportunità di esprimersi e sperimentare se stessi.
  • A misura di bambine e bambini: due aree sono state dedicate ai più piccoli, con giochi e materiali a loro libera disposizione, bagni dedicati con una comoda zona fasciatoio, l’area ristoro era dotata di tavoli e panche a misura di bambino. I pomeriggi di tutti i weekend di maggio, giugno e luglio sono stati animati da offerte interessanti: spettacoli e laboratori didattici ogni sabato, laboratori di cucina e presentazione di libri ogni domenica. La presenza dei bambini  è stata incentivata anche durante i concerti infrasettimanali dedicati ai più grandi, regalando, ogni giovedì sera, un ingresso omaggio a chiunque accompagnava un bambino sotto i 10 anni.
  • Il Carroponte ha a cuore l’ambiente: l’area lounge, dove era possibile so-stare e godersi le serate in città, è stata creata ad arte con materiali di recupero e di riciclo, l’area Mangia&Bevi ha premiato la filiera corta e ha ospitanto, oltre a un ristorante e a una griglieria, una pizzeria che ha utilizzato prodotti della Cooperativa Lavoro e Non Solo (cooperativa di tipo B, che lavora a Corleone, sulle terre confiscate alle mafie). L’ecosostenibilità si è concretizzata anche attraverso l’utilizzo di bicchieri e posate in Mater-Bi e PLA, materiali completamente biodegradabili. L’acqua, bene comune, era in distribuzione gratuita. E, siccome il rispetto dell’ambiente è frutto di uno stile di vita consapevole e ragionato, tutti i mercoledì, chi arrivava al Carroponte in bicicletta, aveva diritto ad un buono consumazione gratuito.
  • Ampio spazio dedicato al teatro, protagonista di tutti i mercoledì. La stagione teatrale è stata inaugurata il 1° giugno da Ascanio Celestini ed è proseguita con collaborazioni importanti, tra cui la Compagnia Alma Rosè, la Compagnia Dionisi e il Teatro della Cooperativa. Le domeniche di giugno hanno inoltre presentato una rassegna di teatro canzone, a cura dei circoli Cicco Simonetta e La Casa 139.

“Il Carroponte, ha dichiarato l’Assessore alla Cultura di Sesto San Giovanni Monica Chittò, è uno spazio straordinario ed evocativo, che l’Amministrazione di Sesto ha voluto restituire all’intera città dopo il suo utilizzo industriale facendolo diventare un polo culturale e di aggregazione riconosciuto ormai ben al di là dei confini sestesi. Grazie alla collaborazione con ARCI Milano, che lo scorso anno ha saputo in tempi brevissimi organizzare una stagione di spettacoli di eccelso livello, il parco archeologico industriale ex Breda è oggi una realtà in grado di esprimere appieno tutte le sue enormi potenzialità”.

Vai al sito


immagine dell’evento

Concorso “Salviamo la memoria!” premiati i vincitori all’auditorium della Banca di Credito Cooperativo
27 maggio 2011

L’Atelier Economico della BCC (Banca di Credito Cooperativo) di Sesto, in collaborazione con il comitato Sesto per l’UNESCO, ha bandito lo scorso marzo il concorso “Salviamo la memoria!” per gli studenti delle scuole primarie e secondarie cittadine. I ragazzi sono stati invitati a proporre un progetto che rispondesse alla domanda: "Il riconoscimento dell’UNESCO può dare nuovo impulso alla città? In che modo?". L’iniziativa si proponeva come uno strumento di riflessione per le nuove generazioni sull’importanza del recupero di luoghi che rappresentano la storia della città, ma anche come un importante momento di sensibilizzazione sulle ragioni della candidatura e sull’impulso allo sviluppo di attività collaterali che potranno aprire nuove prospettive occupazionali.
Per dotare i partecipanti degli strumenti e delle informazioni necessarie, sono stati organizzati incontri nelle scuole cittadine dove il responsabile del Dossier Federico Ottolenghi ha avuto modo di presentare con documenti e filmati il percorso della candidatura e rispondere alle numerose domande e curiosità degli studenti che hanno accolto l’iniziativa con grande interesse ed entusiasmo presentando elaborati di particolare interesse e pregio. I vincitori sono stati  premiati venerdì 27 maggio all’auditorium della Banca di Credito Cooperativo.

Vai alla pagina dedicata


Logo dell’Istituto Altiero Spinelli

“Lo Spinelli in mostra”. Inaugurato il laboratorio di saldatura all’Istituto Altiero Spinelli
28 maggio 2011

Grande festa di fine anno all’Istituto Altiero Spinelli: una mattinata di scuola aperta che ha posto al centro dell’attenzione il risultato del lavoro didattico e le sue eccellenze. In mostra i manufatti, le ricerche, i prodotti multimediali realizzati dalle varie classi o da gruppi di studenti e premi ai quattro elaborati giudicati migliori. Momento clou della giornata l’inaugurazione, dopo due mesi di accurato e paziente lavoro, dello spazio museale saldatura. Le vecchie macchine, in disuso dagli anni ’70, restaurate e rimesse in funzione, grazie alla tenacia e passione del preside Antonio Valentino, degli insegnanti e al contributo della Provincia di Milano, costituiranno un valido strumento didattico e una nuova importante tessera del museo dedicato ai processi industriali. Dopo il museo fonderia e lo spazio blu delle macchine a fluido riqualificati negli scorsi anni, il museo saldatura, sulle cui pareti fanno bella mostra foto - alcune delle quali inedite - delle vecchie fabbriche sestesi, restituisce a Sesto San Giovanni un’altra essenziale testimonianza del proprio passato di città delle fabbriche.

Le iniziative del 2011 da aprile a maggio si trova in:

STAMPA

copertina della rassegna eventii luoghi di Sesto dove si organizzano iniziative

Ufficio

Sesto San Giovanni per l'UNESCO
piazza della Resistenza n. 20
Sesto San Giovanni (Mi)
tel:02.2496386/309
fax:02.2496312
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su