Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Costruzioni e ristrutturazioni

Io non ci casco

Manuale operativo per chi lavora in altezza

Le cadute dall’alto rappresentano la causa più comune di infortunio o di morte nel settore delle costruzioni. Questi casi sono legati frequentemente alla mancanza di adeguate misure preventive e protettive, alla base della quale vi è spesso una assente o inidonea progettazione della sicurezza.

Valutazione del rischio e pianificazione delle misure di sicurezza

Per assicurare una reale riduzione degli infortuni sul lavoro è necessario iniziare da una adeguata e completa valutazione del rischio, considerando globalmente tutte le situazioni potenzialmente pericolose.

A questa fase è indispensabile far seguire quella della pianificazione delle misure di sicurezza che deve privilegiare gli interventi che eliminano o riducono il rischio alla fonte.
Bisogna dare priorità alle misure di protezione collettiva, riservando l’impiego dei dispositivi di protezione individuale a quelle situazioni in cui i rischi non possono essere altrimenti ridotti.

SPISAL, Azienda U.L.S.S. 15 “ Alta Padovana” hanno realizzato Io non ci casco, l’ opuscolo che fornisce i criteri per una efficace progettazione e pianificazione delle misure di sicurezza nei lavori in altezza, partendo dall’analisi di singoli contesti di rischio.

Formazione

L’istruzione e la formazione sono componenti essenziali del sistema di sicurezza aziendale, ai lavoratori bisogna assicurare una formazione collegata a situazioni reali e l’addestramento necessario ad un corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale anticaduta.

Io non ci casco si trova in:

STAMPA

immagini tratte dal manuale

Ufficio

Sicurezza, prevenzione e protezione
via Benedetto Croce n. 28
Sesto San Giovanni (Mi)
fax:02/24966915
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su