Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

In visita alla cittą

Visita la Galleria Campari

Logo della Galleria Campari

 

Dal 23 marzo 2010 è aperta la Galleria Campari nella storica sede dello stabilimento sestese. La Galleria si estende su due piani. Il primo racconta la storia del marchio attraverso l’arte moderna e contemporanea, con opere di artisti internazionali, come Leonetto Cappiello, Bruno Munari e Ugo Nespolo. Il secondo piano invece è riservato di volta in volta a una mostra temporanea

Visitare la Galleria è un’esperienza multimediale e sensoriale. Infatti alcune delle opere esposte sono state reinterpretate e animate con tecnologie multimediali, in modo da percepirle anche attraverso l’olfatto e l’udito.

Con l’apertura del suo splendido museo d’impresa, Campari celebra i suoi 150 anni di storia.
Il FAI, Fondo per l’Ambiente Italiano, ha incluso il palazzo Campari, progettato dagli architetti Mario Botta e Giancarlo Marzorati, tra i suoi “Beni Aperti”, cioè quei luoghi che, per le loro peculiarità culturali, storiche o architettoniche, appartengono al patrimonio italiano e intorno e si sviluppano tradizioni e identità.

la bottliglia monodose creata da Depero per Campari   Orari di visita

La Galleria Campari è in viale Gramsci 161 a Sesto San Giovanni.
E’ aperta martedì, giovedì e venerdì.
Il mattino dalle 10.00 alle 11.30 e dalle 11.30 alle 13.00 su prenotazione per gruppi da almeno 15 persone.
Il pomeriggio dalle 14.00 alle 15.30, dalle 15.30 alle 17.00 e dalle 17.00 alle 18.30.
Ogni primo sabato del mese la Galleria Campari è aperta:
dalle 10.00 alle 11.30
dalle 11.30 alle 13.00
dalle 14.00 alle 15.30
dalle 15.30 alle 17.00.

Se volete, potete prenotare visite guidate.
L’ingresso è gratuito.
Per informazioni e prenotazioni: tel 02-62251 o galleria@campari.com

Visita la Galleria Campari si trova in:

STAMPA

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su