Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Anagrafe

Carta d'identità cartacea a domicilio

Cos’è

È un servizio offerto a chi non può raggiungere l’Ufficio anagrafe per gravi motivi di salute.

n.b. L’impedimento deve essere di natura fisica e non mentale, vale a dire che il dichiarante deve essere in grado di capire il contenuto della dichiarazione che va a rendere.

Come fare

Un parente o un’altra persona maggiorenne deve compilare il modulo "Istanza per la firma a domicilio" scaricabile da questa pagina e venire all’Ufficio anagrafe per prendere appuntamento con il funzionario. Deve allegare al modulo:

- 3 fototessera  recenti
- la carta d’identità vecchia o la denuncia di smarrimento o un altro documento valido
- un certificato medico che attesta l’impossibilità a muoversi o la copia della lettera di dimissione in caso di recente ricovero in struttura sanitaria.
n.b. Per chi è ricoverato in strutture sanitarie/ospedaliere o dipende da apparecchiature elettromedicali  questo certificato non serve.

Costo

Fare richiesta per un servizio di carta d’identità a domicilio costa 16,52 € (di cui 16,00 € per marca bollo, 0,52 € per diritti segreteria).
E’ gratuito se il cittadino è ricoverato in strutture sanitarie, ospedaliere o se è collegato ad apparecchiature elettromedicali.

La carta d’identità costa:
- 5,42 € per il rilascio o il rinnovo
- 10,84 € per il duplicato se è stata smarrita, rubata o deteriorata.

Tempi

L’uscita del funzionario, che si recherà a domicilio, è prevista ogni quindici giorni, di norma al martedì pomeriggio. L’ufficio anagrafe vi contatterà per avvisarvi dell’uscita.

Carta d'identità cartacea a domicilio si trova in:

STAMPA

Ufficio

Anagrafe
piazza della Resistenza n. 20
Sesto San Giovanni (Mi)
tel:02/2496338, chiama da lunedì a sabato
fax:02/2496531
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su