Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Qualità dell'aria e traffico

Qualità dell'aria: le misure temporanee

Se l’aria è inquinata scattano delle misure antinquinamento temporanee che riguardano:
- le macchine benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1, 2 e Euro 3 e Euro 4 senza filtro antiparticolato
-
 alcuni accorgimenti sull’uso del riscaldamento

Per sapere se le misure sono attive guarda il martedì e il venerdì (giornate di attivazione) la mappa di Arpa Lombardia. Ingrandisci e osserva il colore di Sesto:
- se è verde, non c’è nessuna limitazione del traffico
- se è arancione, sono attivi i provvedimenti del 1° livello
- se è rossa, sono attivi i provvedimenti del 2° livello

Leggi su questa pagina chi e cosa deve fare quando si attiva il 1° o il 2° livello.

 

Sesto aderisce al Protocollo di collaborazione per le misure temporanee per il miglioramento della qualità dell’aria e il contrasto all’inquinamento atmosferico locale, promosso da Regione Lombardia e ANCI, con Arpa, Città Metropolitana e i principali Comuni capoluogo.
Questo protocollo è attivo fino al 31 marzo 2018.

Cosa prevede

Il Protocollo prevede misure temporanee che entrano in vigore in caso di superamento dei limiti del PM10.
E’ articolato su due livelli.

Il 1° livello: colore arancione

Quando sulla mappa di Arpa Sesto da verde diventa arancione significa che è attivo il 1° livello delle misure temporanee antismog. Questo livello si attiva se per 4 giorni consecutivi il PM10 supera il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo d’aria.

Come avviene la rilevazione dei dati e l’attivazione del 1° livello?
Arpa verifica i dati dell’aria in giornate di controllo fisse: il lunedì e il giovedì. In queste giornate rileva i dati dei 4 giorni precedenti. Se dalla rilevazione risulta che per tutti e 4 i giorni il Pm10 ha superato i limiti, il giorno dopo a quello di controllo, cioè il martedì o il venerdì (quando i dati vengono ufficilamente validati) si attiva il 1° livello delle misure anti smog.

Come faccio a sapere se è attivo?
Per sapere se il 1° livello è in vigore, guarda la mappa il martedì o il venerdì, che sono i giorni in cui avviene l’attivazione, se i limiti di Pm10 vengono superati. Il protocollo resta attivo fino al giorno di controllo più vicino, in cui viene fatta una nuova rilevazione. Ad es se il 1° livello si è attivato martedì rimane in vigore fino a giovedì.

Quando si disattiva?
Il 1° livello si disattiva se in uno dei giorni di controllo (lunedì o giovedì) si rileva che:
- il pm10 è sceso sotto il limite di 50 microgrammi per metro cubo d’aria già da un giorno e le previsioni meteorologiche e di qualità dell’aria prevedono per il giorno in corso ed il successivo condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti
- il pm10 è sceso sotto il limite di 50 microgrammi per metro cubo d’aria per 2 giorni consecutivi.
Il 1° livello del protocollo si disattiva e si sospendono tutti i provvedimenti dal giorno dopo a quello di controllo.

Quali sono i provvedimenti?
Ecco quali sono le misure del 1° livello. Rimangono in vigore fino a quando il livello viene disattivato.

1.  blocco dei veicoli:
- veicoli privati: benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1 e 2, diesel Euro 3 e diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato dalle 8.30 alle 18.30
>veicoli commerciali:  benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1 e 2, diesel Euro 3 senza filtro antiparticolato dalle 8.30 alle 12.30 (i veicoli diesel Euro 4 sono esclusi) 
deroga: il divieto non c’è per i veicoli al punto C e D della delibera regionale 2478/14 e dei veicoli speciali definiti dall’art. 54 lettera f) g) e n) del Codice della Strada.

2. riduzione di 1°C del valore massimo della temperatura nelle abitazioni e nei negozi. Il valore massimo diventa quindi di 19°C, con tolleranza di 2°C.
deroga: il divieto non c’è per alberghi, pensioni, ospedali, cliniche o case di cura, ricoveri per minori, anziani, disabili, tossicodipendenti o altri soggetti affidati ai servizi sociali, piscine, saune, palestre, servizi di supporto alle attività sportive, edifici per l’attività scolastica, asili nido.

3. divieto di usare i generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa che non rispettano i valori previsti per la classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale. 
deroga: il divieto non c’è se questi generatori sono l’unica forma di riscaldamento.

4. divieto di fare falò, barbecue e fuochi d’artificio, di sostare con il motore della macchina acceso, di spargere liquami zootecnici.

5. tenere le porte dei negozi chiuse il più possibile

6. divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso.

Il 2° livello: colore rosso

Quando sulla mappa di Arpa Sesto diventa rosso significa che è attivo il 2° livello delle misure temporanee antismog. Questo livello si attiva se per 10 giorni consecutivi il PM10 supera il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo d’aria.

Come avviene la rilevazione dei dati e l’attivazione del 2° livello?
Arpa verifica i dati dell’aria in giornate di controllo fisse: il lunedì e il giovedì. In queste giornate rileva i dati dei giorni precedenti. Se dalla rilevazione risulta che per tutti e 10 i giorni il Pm10 ha superato i limiti, il giorno dopo a quello di controllo, cioè il martedì o il venerdì (quando i dati vengono ufficilamente validati) si attiva il 2° livello delle misure anti smog.

Come faccio a sapere se è attivo?
Per sapere se il 2° livello è in vigore, guarda la mappa il martedì o il venerdì, che sono i giorni in cui avviene l’attivazione, se i limiti di Pm10 vengono superati. Il protocollo resta attivo fino al giorno di controllo più vicino, in cui viene fatta una nuova rilevazione.

Quando si disattiva?
Il 2° livello si disattiva se in uno dei giorni di controllo (lunedì o giovedì) si rileva che:
- il pm10 è sceso sotto il limite di 50 microgrammi per metro cubo d’aria già da un giorno e le previsioni meteorologiche e di qualità dell’aria prevedono per il giorno in corso ed il successivo condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti
- il pm10 è sceso sotto il limite di 50 microgrammi per metro cubo d’aria per 2 giorni consecutivi.
Il 1° livello del protocollo si disattiva e si sospendono tutti i provvedimenti dal giorno dopo a quello di controllo.

I provvedimenti

1. blocco dei veicoli:
- veicoli privati: benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1 e 2, diesel Euro 3 e diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato dalle 8.30 alle 18.30
>veicoli commerciali: benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1 e 2, diesel Euro 3 senza filtro antiparticolato dalle 8.30 alle 18.30. attenzione: nel 2° livello anche i  diesel Euro 4 senza filtro antiparticolato non possono circolare dalle 8.30 alle 12.30.
deroga: il divieto non c’è per i veicoli al punto C e D della delibera regionale 2478/14 e i veicoli speciali definiti dall’art. 54 lettera f) g) e n) del Codice della Strada

2. riduzione di 1°C del valore massimo della temperatura nelle abitazioni e nei negozi. Il valore massimo diventa quindi 19°C, con tolleranza di 2°C.
deroga: il divieto non c’è per alberghi, pensioni, ospedali, cliniche o case di cura, ricoveri per minori, anziani, disabili, tossicodipendenti o altri soggetti affidati ai servizi sociali, piscine, saune, palestre, servizi di supporto alle attività sportive, edifici per l’attività scolastica, asili nido.

3. divieto di usare i generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa che non rispettano i valori previsti per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale.
deroga: il divieto non c’è se questi generatori sono l’unica forma di riscaldamento.

4. divieto di fare falò, barbecue e fuochi d’artificio, di sostare con il motore della macchina acceso, di spargere liquami zootecnici.

5.
tenere le porte dei negozi chiuse il più possibile

6. divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso.

Multe

Se non rispetti il blocco dei veicoli (sia nel 1° che nel 2° livello) puoi avere una multa che va da 164,00 euro fino a 663,00 (art. 7 comma 13 bis del Codice della Strada).
Se non rispetti gli altri divieti sul riscaldamento puoi avere una multa fino a 500,00 euro (art. 7 bis decreto legislativo 267/2000).

Per saperne di più

Leggi la delibera di Regione Lombardia e l’ordinanza del Comune con cui viene applicato.

Scarica il Catalogo dei generatori a biomassa legnosa. Qui trovi l’elenco dei modelli a classe ambientale 3, 4 e 5 stelle sulla base delle dichiarazioni fatte dai costruttori.

Qualità dell'aria: le misure temporanee si trova in:

STAMPA

Ufficio

Tutela ambientale
piazza della Resistenza n. 20
Sesto San Giovanni (Mi)
fax:02/2496442
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su