torna all'indice
•I fatti
    Le iniziative delle imprese a favore dei propri dipendenti

Le principali imprese sestesi attuano una convinta politica di "welfare aziendale" nei confronti dei propri dipendenti nel tentativo di legarli più strettamente alle sorti dell'impresa e di migliorarne le condizioni di vita.
 
La squadra di calcio della Breda
al campo sportivo della società,
anni '20,
(Ismec, Archivio Storico Breda)
 
  La Breda costruisce nel 1910, insieme alla riformista Federazione delle cooperative di produzione, un Quartiere popolare sul modello del Quartiere Rottole di Milano della società Umanitaria; nel 1920 edifica le casine in via Camagni, in seguito case operaie nelle vie Bergomi e Gaslini.
Nel 1925 nasce, in via Milanese vicino alla Torretta, l'Albergo operaio. La società realizza poi il Dopolavoro, scuole professionali, spacci alimentari, colonie estive per i figli dei dipendenti, la Cassa mutua per operai e impiegati (1935), la Palestra Pro Sesto (1920, via Bergomi), lo stadio Breda per la squadra aziendale di calcio (via XX Settembre).
 
Colazione all'aperto
alla Colonia Giovinezza
alla Villa Puricelli, anni '30,
(Ismec, Archivio Storico Ercole Marelli)
 
  La Ercole Marelli costruisce in viale Edison nel 1912 e nel 1925 abitazioni per operai e impiegati, nel 1926 un dormitorio per operai. Nel 1920 dà vita a un gruppo sportivo aziendale (nel 1930 costruisce anche un campo sportivo) e nel 1921 è la prima società italiana a istituire lo spaccio aziendale.
Del 1930 è il Dopolavoro. La Ercole Marelli attiva anche mutue interne, colonie per i figli dei dipendenti, ambulatori medici, scuole di avviamento professionale.
 
Villaggio Falck, veduta aerea,
("La Ferriera", anno III, n. 7, 10 dic. 1954, p. 7)
 
  La Falck è in assoluto l'impresa sestese che realizza il maggior numero di iniziative a favore dei propri lavoratori e dei loro familiari. Tra gli anni Venti e Trenta completa un proprio Villaggio per i dipendenti (lungo il viale Italia e nelle vie Puricelli Guerra, Cantore, Cairoli, Acciaierie, Falck e Torino).
Il Villaggio dispone di una scuola materna, dove si insegna col metodo Montessori (secondo caso in Italia), di una scuola elementare e di una media (gestita da personale Falck). Nel 1939 la società realizza il Quartiere giardino - Villaggio Diaz. Dagli anni Venti istituisce colonie estive e borse di studio per i figli dei dipendenti, mutue interne con agevolazioni per cure mediche (comprese quelle dentarie) e termali per i lavoratori.
Nel 1923 costruisce un campo sportivo. Le "provvidenze" della Falck superano spesso, per qualità e quantità, le iniziative socio-assistenziali messe in campo dallo Stato sia in epoca fascista che in epoca repubblicana.
    L'Osva realizza negli anni Venti case per i dipendenti, uno spaccio viveri, il Dopolavoro e un cinema (Impero), le colonie marine per i figli dei dipendenti, la mensa per operai e impiegati, un doposcuola per operai dove si insegnano meccanica e disegno.
<< Fonderie Luigi Balconi  Trasformazione della società>>