torna all'indice
•I fatti
   L'urbanizzazione

 
 
Case costruite dalla Breda
per i dipendenti nelle vie
Cattaneo e Carducci, anni '20,
(Ismec, Archivio Storico Breda)
 
  L'insediamento delle fabbriche determina anche un notevole incremento della popolazione: nel 1901 gli abitanti sono 6.952, nel 1911 toccano le 13.667 unità. Questo aumento favorisce, nello stesso periodo, l'impetuoso sviluppo urbanistico della città: proprio tra il 1903 e il 1911-12 nasce la "Sesto nuova", al di là della ferrovia attorno al Rondò (Piazza IV Novembre).
Alcuni imprenditori contribuiscono in modo determinante alla crescita della cittadina dal punto di vista urbanistico. Tra questi si segnalano Ernesto Breda e Luigi Spadaccini che nello spazio compreso tra le attuali vie Rovani, Cattaneo e Carducci edificano numerose case d'abitazione per operai e impiegati.
Fino alla fine degli anni Trenta alcune imprese sestesi (Breda, Ercole Marelli, Falck, Osva; ma anche Spadaccini e Gabbioneta) investono considerevoli somme di denaro per la costruzione di alloggi per operai e impiegati. Gli imprenditori attuano questa politica edilizia essenzialmente per avere a disposizione una manodopera stabile.
<< La grande trasformazione  Le principali imprese sorte a Sesto (1920) >>