Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

certificati on line vai alla pagina del Comune di Sesto su Facebook segnalazioni Informagiovani PGT e VAS civiche
logo AmbitoFondazione Isec

Eventi

Sol de Mayo El Gaucho y la ganaderia

Quando: dal 22/02/2020 al 14/03/2020
Ora: da martedý a venerdý dalle 10.30 alle 18; sabato dalle 10.30 alle 17.45 Chiuso lunedý e festivi
Dove: Civica Fototeca Nazionale T. Casiraghi Villa Visconti d'Aragona via Dante 6 Sesto San Giovanni - MM1 Sesto Rond˛
Costo: gratuito

Proposto da: Civica Fototeca Nazionale Tranquillo Casiraghi
Telefono: 02.24968810
e-mail: fototeca.sesto@csbno.net

Riprende la programmazione alla Fototeca di Sesto con le fotografie di Gianluca Colonnese che espone la personale "Sol de Mayo - El Gaucho y la ganaderia".

Sabato 22 febbraio alle 17 l'autore incontra il pubblico insieme ad un esponente del Gruppo Fotoamatori Sestesi.
Al termine wine break offerto da Drogheria Egidi Enoteca, via Dante 47, in collaborazione con gli Amici della Biblioteca.
A seguire inaugurazione della mostra che rimarrà aperta fino al 14 marzo 2020.

Se si pensa all’Argentina, non si può di certo prescindere dalla figura del Gaucho, lo storico cowboy della Pampa.
Questo personaggio a tratti romantico ha origini antiche: si crede esista dal 1700 e, per come lo conosciamo oggi, sia una miscela di tradizioni spagnole, arabe ed aborigene; il suo stesso nome deriva dall’arabo e significa "Uomo a cavallo”.
Tra le caratteristiche principali dei Gauchos emergono la loro fede nella religione cattolica e, naturalmente, il loro amore per i cavalli e per la musica folkloristica Argentina.
Vivono per lo più da soli o con la loro famiglia molto lontani dalla civiltà alla quale fanno ritorno solo durante eventi sporadici, come l’acquisto di beni di prima necessità, la vendita del bestiame o alcune feste tradizionali.
Se la carne argentina è nota in tutto il mondo, lo si deve soprattutto al loro duro lavoro ed al costante mantenimento delle antiche tradizioni di allevamento del bestiame.
Il fotografo Gianluca Colonnese ha cercato di cogliere l'essenza della tradizione gauchesca partendo dai pascoli sterminati che profumano di libertà, attraverso le aste del bestiame ed ancora passando dalle macellerie nel cuore di Buenos Aires, dove la carne arriva in piena notte.
Accolto da famiglie che vivono in case modeste a diverse ore di distanza dalla "civiltà", ci racconta: "Sono stato accolto nelle loro case come una persona di famiglia. Mi chiamano Tano, come d'altronde fanno in maniera simpatica con chi ha origini italiane. Vivono a stretto contatto con la natura ed ancora tutto funziona in maniera “feudale”. Quando per esempio si parla del proprietario terriero, ci si toglie il cappello a modo di rispetto. Ho trovato quella semplicità, amore per la famiglia e per i propri animali che mi ha fatto comprendere ancor di più quanto tutto quello che ho documentato fosse importante". 
L'autore ha voluto aprire con un’immagine che parla di questa gente umile e fiera, costantemente pervasa da una grande fede che cerca, con il proprio duro lavoro, di tenere alto il nome dell’Argentina.

Il fotografo ha voluto chiudere il racconto con un’immagine di speranza per il futuro di questo singolare modo di vivere.
Anna Sergi

L'evento fa parte di: fototeca mostre 2020

stampa

Ricordami l'evento



- -

Eventi a Sesto

Febbraio 2020
Calendario eventi Febbraio 2020
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29




 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su