Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Notizie dal Comune

Comunicati stampa

Comune Sesto San Giovanni citato da Assolombarda come esempio positivo per le sue strategie di marketing territoriale


L’amministrazione comunale di Sesto San Giovanni è stata citata da Assolombarda come esempio positivo per le sue strategie di marketing territoriali all’interno della ricerca “Le iniziative dei Comuni della Città metropolitana di Milano a sostegno dello sviluppo economico”, redatto dal Centro Studi PIM su incarico di Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza, Lodi. La ricerca è stata finalizzata a individuare le iniziative dei Comuni che potessero rappresentare un sostegno per le imprese presenti sui propri territori ma anche giocare un ruolo importante in un’ottica di attrattività e rafforzamento del tessuto produttivo e di insediamento di nuove attività economiche.



La strategia di marketing territoriale del Comune di Sesto si fonda su un doppio binario: l’organizzazione di eventi pubblici e la valorizzazione di spazi e immobili. L’organizzazione di eventi ha lo scopo di attivare gli operatori e animare il territorio. Per l’organizzazione di “Fuori dal Fuorisalone”, “Oltre la terra”, la festa patronale, i mercati natalizi e il campionato mondiale della Polizia locale, sono state attivate collaborazioni con Regione Lombardia, Politecnico di Milano, Confartigianato, Confcommercio, aziende private e associazioni locali ed extra locali. Per la valorizzazione di spazi e immobili, è stato presentato alla Fondazione Cariplo, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Milano, un progetto di valorizzazione del palazzo comunale e commissionata all’Università Bicocca un’analisi della competitività di Sesto per individuare possibili strategie di sviluppo (uno degli esiti di questa ricerca potrebbe essere la redazione di un Atlante delle opportunità di insediamento). Prosegue, inoltre, l’iniziativa “Vado a Sesto” che riconosce vantaggi fiscali alle imprese che si insediano sul territorio.



Per quanto riguarda il tema della riqualificazione della rifunzionalizzazione di aree o edifici in chiave di sviluppo economico, a proposito del territorio di Sesto San Giovanni, nel rapporto di Assolombarda sono citati la variante “PII Falck”, la valorizzazione/rifunzionalizzazione degli immobili comunali “Camino fumi”, “MA.GE”, “Spazio MIL” e “Spazio Edison Center” e la verifica dello stato di attuazione dei Piani Attuativi vigenti tra cui “Vulcano”, “Decapaggio” e “Marelli”.



“È un orgoglio – commenta Maurizio Torresani, assessore al Marketing Territoriale – che la nostra città venga portata come esempio da Assolombarda, tra 41 Comuni della Città Metropolitana, per il suo piano di marketing territoriale. Questo dimostra che siamo sulla strada giusta: l’attrattività di un territorio passa anche da eventi di un certo calibro, come la mostra su Leonardo o quella per celebrare i 50 anni dallo sbarco sulla luna, e la valorizzazione di aree strategiche come l’ex Marelli su cui stiamo ponendo l’attenzione visto che è una delle porte d’accesso a Milano”.



“Fin dal nostro insediamento – commenta Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni – abbiamo deciso di adottare azioni a sostegno dello sviluppo economico che rientrino in una strategia di marketing territoriale. Importantissimo in questo senso è il coinvolgimento delle imprese del nostro territorio. È una grande soddisfazione essere citati dalla ricerca di Assolombarda quale esempio di buone pratiche per le nostre strategie perché significa che stiamo lavorando bene. Eventi e recupero di aree dismesse vanno proprio in questa direzione con l’obiettivo di accrescere sempre più l’attrattività del nostro territorio”.

Data di pubblicazione: 06/11/2019

<< Indietro

Ufficio stampa

UFFICIO STAMPA
piazza della Resistenza, 20
Sesto San Giovanni (Mi)
fax: 02/2496560
dettagli

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su