Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Notizie dal Comune

Comunicati stampa

Mercoledì 3 aprile inaugurazione mostra "Crepax - Storie del Vecchio west"


Giunge a conclusione la rassegna dedicata al fumetto SEGNI 2019. Disegni, immagini, emozioni,curata da Cristoforo Moretti, ingegnere e appassionato cultore di fumetti e graphic novel, e organizzata in collaborazione con la Biblioteca di Sesto San Giovanni.

Mercoledì 3 aprile alle ore 18.00 nella Sala degli Affreschi della Biblioteca “Pietro Lincoln Cadioli”,verrà inaugurata la mostra: CREPAX - STORIE DEL VECCHIO WEST. 30 disegni da RAI Fort Alamo, la trasmissione che nel 1967 raccontava ai ragazzi le storie dei più famosi personaggi del West.

Disegni originali, riproduzioni d’epoca, cowboys e indiani, copertine di libri e di dischi. Un tuffo nellaTv dei Ragazzi, nell’epopea di Pecos Bill e nel lavoro di Guido Crepax, uno dei più grandi maestri di sempre, saranno raccontati all’inaugurazione, attraverso gli aneddoti di protagonisti e ospiti speciali: i figli del grande disegnatore Guido Crepax , Antonio e Caterina Crepax, il cantautore Ricky Gianco e i curatori della mostra Luca Crovi e Cristoforo Moretti.

"Siamo orgogliosi di questa rassegna dedicata al fumetto e alla sua storia - commenta Alessandra Magro, assessore alla cultura - che ha unito grandi e più piccoli. Chiudere con Crepax aggiunge ancora più valore a un'iniziativa di grande impatto culturale. Continueremo a proporre eventi e mostre che siano in grado di intercettare un pubblico vasto"

La mostra è organizzata in collaborazione con l'Archivio CREPAX.L’ingresso è libero e gratuito.

La mostra rimarrà aperta fino al 13 aprile 2019.

Data di pubblicazione: 28/03/2019

<< Indietro

Ufficio stampa

UFFICIO STAMPA
piazza della Resistenza, 20
Sesto San Giovanni (Mi)
fax: 02/2496560
dettagli

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su