Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

banner del sito Sesto per l'UNESCO Urban center certificati on line vai alla pagina del Comune di Sesto su Facebook Sesto Scrivendo - L'Urp mi risponde Informagiovani PGT e VAS civiche
logo AmbitoFondazione Isec

Terzo settore

Fondo Sociale Regionale 2017: come richiedere il contributo

Secondo le indicazioni di Regione Lombardia, le risorse del Fondo Sociale Regionale insieme alle risorse autonome dei Comuni ed eventuali altre risorse (fondi statali, comunitari, compartecipazione dei cittadini, finanziamenti privati ecc) concorreranno alla realizzazione delle azioni previste dai Piani di Zona in attuazione della programmazione sociale 2015/2017 attraverso il cofinanziamento dei servizi e degli interventi sociali afferenti alle aree Minori e Famiglia, Disabili e Anziani. Le risorse si inseriscono inoltre nel percorso avviato da Regione Lombardia con il programma “Reddito di Autonomia”, di cui alla D.G.R. 18 aprile 2016 n. 5060, che promuove lo sviluppo delle politiche di coesione e inclusione sociale rivolte alle situazioni di vulnerabilità economica e sociale delle famiglie e alle nuove forme di povertà.
Le risorse del Fondo Sociale Regionale sono messe a disposizione per il sostegno delle unità d’offerta sociali e dei bisogni delle famiglie.

Leggi il bando

Risorse

Per l’anno 2017, sono stati confermati i criteri di ripartizione delle risorse del Fondo Sociale Regionale di parte corrente che avviene mediante l’assegnazione in forma indistinta delle risorse per ambito territoriale, e comporta, da parte dell’Assemblea dei Sindaci dell’Ambito distrettuale, la definizione dei criteri di utilizzo delle stesse.
I criteri di riparto dell’assegnazione all’Ambito territoriale sono:
- 50% su base storica in considerazione del livello di sviluppo della rete delle unità d’offerta sociali raggiunto nel corso degli anni negli Ambiti territoriali e degli accessi ai servizi anche da parte di utenti non residenti nel Comune di ubicazione dell’unità di offerta;
- 50% su base capitaria in considerazione della densità di popolazione residente nei diversi territori, così come convenuto con Anci Lombardia.

Il fondo assegnato all’Ambito distrettuale di Sesto per l’anno 2017 è pari a 768.045,00 euro.

Modalità e destinatari

La medesima DGR elenca, in via esemplificativa, le unità di offerta della rete sociale regionale che possono essere finanziate attraverso il Fondo Sociale Regionale:
- Servizi per la prima infanzia (Asili nido e nidi aziendali, Micronidi, Nidi famiglia e Centri per la Prima Infanzia)
- Servizi residenziali per minori (Comunità educative, Comunità familiari e Alloggi per l’autonomia)
- Servizi Diurni per minori (Centri ricreativi diurni e Centri di Aggregazione Giovanile)
- Assistenza domiciliare minori (ADM)
- Affidi
- Rette per minori in comunità
- Centri Socio Educativi
- Centri Diurni Anziani
- Servizi di Formazione all’Autonomia
- Comunità alloggio disabili
- Comunità Socio Sanitarie
- Servizio di assistenza domiciliare anziani (SAD)
- Servizio di assistenza domiciliare disabili (SADH)
- Alloggio protetto per anziani

Le unità di offerta sociali che possono accedere al finanziamento devono essere tra quelle individuate dalla Giunta Regionale ai sensi della DGR 7287/08 e devono essere in regolare esercizio nell’anno in corso ed essere presenti nel gestionale AFAM con proprio codice struttura.

Ai fini della determinazione del contributo da assegnare all’Ente Gestore, vengono prese a riferimento le rendicontazioni delle attività, dei costi e dei ricavi dell’anno 2016.
Non sono ammesse al finanziamento le unità di offerta che hanno iniziato l’attività nel 2017.
Il FSR non può essere destinato al finanziamento di unità di offerta sperimentali.
L’Assemblea dei Sindaci definisce e approva:
- I criteri di utilizzo del Fondo Sociale Regionale 2017
- il piano di assegnazione dei contributi
- i criteri di assegnazione
- le motivazioni dell’eventuale esclusione dei contributi agli enti esclusi

Pertanto la presentazione della domanda di contributo non comporta l’assegnazione dello stesso che avverrà sulla base dei criteri di riparto stabiliti dall’Assemblea dei Sindaci.
A titolo orientativo leggi il Piano di assegnazione dei contributi - anno 2016 approvato dall’Assemblea dei Sindaci nella seduta del 26 settembre 2016.

Si precisa infine che l’Assemblea dei Sindaci, considerando la programmazione dell’Ambito e in continuità con le scelte compiute nell’anno precedente, nel definire e approvare il piano di riparto concentrerà il finanziamento del Fondo Sociale Regionale nei confronti di servizi strutturati stabilmente, che rispondono a un bisogno prioritario e che siano diffusi nella maggior parte dei Comuni dell’Ambito.

Presentazione della domanda

Gli Enti Gestori delle Unità d’offerta sociali che rientrano tra i destinatari interessati al riparto del finanziamento del FSR dovranno presentare la domanda di contributo (allegato A) e la relativa scheda di rendicontazione dell’attività anno 2016.
Le domande dovranno pervenire esclusivamente tramite pec all’indirizzo comune.sestosg@legalmail.it e dovranno obbligatoriamente allegare tutta la documentazione indicata nella domanda di contributo. Il facsimile della domanda è scaricabile da questa pagina (in alto a destra). Le schede per la rendicontazione sono trasmesse via mail solo agli enti che ne facciano esplicita richiesta all’Ufficio di Piano al seguente indirizzo mail: r.casale@sestosg.net.
La domanda di contributo corredata dalle schede di rendicontazione delle attività anno 2016
deve essere inviata all’ufficio di Piano dell’Ambito distrettuale di Sesto entro il 25 ottobre 2017.
Per le Unità d’offerta residenziali per minori la domanda deve essere corredata dalla dichiarazione del legale rappresentante dell’Ente gestore in cui si attesti di aver inserito nel gestionale “Minori in Comunità” (Minori web) i dati riferiti ai minori accolti nell’anno 2016 in modo completo e e nei tempi indicati da Regione Lombardia.

Modalità di valutazione delle domande

Le domande che perverranno entro la scadenza saranno valutate secondo i criteri approvati dall’Assemblea dei Sindaci.
Le domande pervenute successivamente alla data di chiusura del presente avviso, oppure che risulteranno incomplete, saranno dichiarate non ammissibili.
L’Assemblea dei Sindaci, in caso di verifica di condizioni diverse rispetto a quelle dichiarate, valuterà la domanda inammissibile.
 
Modalità di comunicazione degli esiti della valutazione con inclusi gli enti esclusi con le motivazioni di esclusione

Tutti gli Enti Gestori delle Unità d’offerta sociali che hanno prodotto una domanda di contributo
riceveranno comunicazione dell’esito della valutazione tramite pec.

Modalità di erogazione del contributo

Il contributo assegnato sarà erogato in due tranche (acconto e saldo, secondo la percentuale
stabilita dall’Assemblea dei Sindaci) a seguito dell’erogazione dei fondi assegnati con DGR
X/6974 “Determinazioni in merito alla ripartizione del Fondo Sociale Regionale 2017” da parte di
ATS all’Ente capofila dell’Ambito distrettuale.

Controlli, revoche, sanzioni

I controlli sono quelli stabiliti dalle disposizioni regionali.

A chi rivolgersi per informazioni

Per informazioni è possibile inviare una mail ai seguenti indirizzi:
r.casale@sestosg.net
b.bianco@sestosg.net

 


 

Fondo Sociale Regionale 2017: come richiedere il contributo si trova in:

STAMPA

Ufficio

Socio educativo
via Benedetto Croce n. 12
Sesto San Giovanni (Mi)
fax:02.24966914
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su