Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

banner del sito Sesto per l'UNESCO Urban center certificati on line vai alla pagina del Comune di Sesto su Facebook Sesto Scrivendo - L'Urp mi risponde Informagiovani PGT e VAS civiche
logo AmbitoFondazione Isec

Commerciante e imprenditore

Vado a Sesto, niente tributi per le imprese che aprono a Sesto

Sei un’impresa che apre a Sesto?
Nessun tributo locale per i primi 2 anni per chi porta lavoro in città nel 2017 e nel 2018.
Questo vale anche per le imprese che si sono trasferite o hanno aperto a sesto nel 2015 e 2016.

Ecco i vantaggi fiscali che puoi avere per i primi due anni:

  • niente TARI
  • contributo economico equivalente a quanto pagato per: TOSAP, tassa per le insegne, IMU (solo la parte dovuta al Comune)

Come funziona?

E’ molto semplice!  La TARI non va pagata. Dovete pagare IMU, TOSAP e tassa per le insegne entro le scadenze di legge. Il Comune vi darà un contributo equivalente all’importo totale entro 10 giorni da quando presentate la richiesta di rimborso.

Chi può ottenere le agevolazioni fiscali

Le imprese che si trasferiscono a Sesto nel 2017 - 18 o che si sono trasferite qui nel 2015 -16 e che:

  • tengono aperta l’attività per 3 anni
  • hanno almeno 3 lavoratori con contratto di lavoro subordinato (anche familiari collaboratori), fisicamente presenti in azienda
  • sono in regola con il DURC o hanno attivato un piano di rientro con l’INPS
  • non sono in stato di liquidazione, fallimento, amministrazione controllata, concordato preventivo o altre situazioni equivalenti 

Le start-up che aprono a Sesto nel 2017 - 18 o che hanno aperto nel 2015 - 16 e che:

  • tengono aperta l’attività per 3 anni
  • hanno almeno 3 lavoratori, fisicamente presenti in azienda, inclusi i soci, i dipendenti e i familiari collaboratori.

Sono escluse

  • le attività frutto di operazioni societarie di cessione, acquisizione, fusione, compravendita o simili
  • le sale giochi, scommesse e le attività che hanno slot-machine
  • le imprese impegnate esclusivamente in cantieri edili o costruite per specifiche realizzazioni edili
  • le attività che si trovano in grandi strutture di vendita (per esempio nei centri commerciali)

Come partecipare a "Vado a Sesto!"

Per avere queste agevolazioni fiscali, per prima cosa dovete presentare la domanda al protocollo del Comune di Sesto. Una volta presentata la domanda, il Comune verifica che ci siano tutti i requisiti richiesti e firma una convenzione di agevolazione fiscale di due anni con la tua impresa. 
Per avere poi il contributo economico equivalente a quanto pagato per i tributi locali, dovete fare la richiesta di rimborso. Trovate tutti i moduli su questa pagina (in alto a destra).

Vado a Sesto, niente tributi per le imprese che aprono a Sesto si trova in:

STAMPA

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su