Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Servizi per disabili

Bonus per l'energia elettrica in caso di disagio fisico

Novità: dove fare la domanda

Da lunedì 6 febbraio 2017, per fare la domanda devi andare al Caf Cisal in via Fogagnolo 17. Prendi appuntamento al 349.8581897 dal lunedì al venerdì  dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.00.

Cos’è

I cittadini in gravi condizioni di salute, che usano apparecchiature medico-terapeutiche necessarie per l’esistenza in vita alimentate a energia elettrica, possono richiedere un bonus sotto forma di sconto applicato alle bollette dell’energia elettrica per l’utenza domestica. Lo sconto sarà applicato senza interruzioni fino a quando si usano le apparecchiature.
Il bonus energia per l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali non va quindi rinnovato. Nel momento in cui non è più necessario l’uso delle apparecchiature, il cittadino deve comunicarlo al proprio distributore di energia.

Per richiedere il bonus per disagio fisico non è necessario presentare l’attestazione I.S.E.E.

Quanto vale il bonus

Dal 1 gennaio 2013 sono previste tre tipologie di bonus per disagio fisico, da assegnarsi in base ai consumi ed al numero di macchinari utilizzati, così come indicati nella certificazione che va allegata alla domanda, in modo da tenere conto delle specifiche necessità ed esigenze dei malati.
L’assegnazione ad una delle 3 fasce viene calcolata dal sistema informatico che gestisce le agevolazioni. Il valore del bonus per il disagio fisico può essere calcolato utilizzando questo applicativo di simulazione.

La tabella riportata qui sotto riassume gli importi per fascia e consumi per il 2016:

 

  FASCIA MINIMA FASCIA MEDIA FASCIA MASSIMA
extra consumo rispetto a utente tipo
(2700/kWh/anno)
fino a 600 kWh/anno tra 600 e 1200 kWh/anno oltre 1200 kWh/anno
     Euro/anno per punto di prelievo  
ammontare bonus (fino a 3 kW residente)

175

288

417

ammontare bonus oltre 3 kW (da 4,5 kW in su)

410

519

628

 

Come si richiede il nuovo bonus per gravi condizioni di salute? 

La richiesta del bonus elettrico va presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica con il modulo B.
Bisogna presentare, inoltre, l’allegato dell’ASL che specifica il tipo di apparecchiature elettromedicali e per quanto tempo al giorno vengono utilizzate, l’indirizzo presso il quale le medesime apparecchiature sono installate, la data a partire dalla quale si utilizzano le apparecchiature elettromedicali.

E’ possibile anche autocertificare l’utilizzo delle apparecchiature, ma in questo caso bisogna allegare copia di iscrizione all’elenco delle forniture non disalimentabili ai fini del P.E.S.S.E.

Per la richiesta del bonus, non è possibile utilizzare altre forme di certificazione delle situazioni invalidanti, quali ad esempio i certificati di invalidità civile.

Come, dove e quando fare domanda

Come

La domanda può essere fatta in qualsiasi momento dell’anno. Ecco come:

  • compilare modulo B in tutte le sue parti
  • allegare la fotocopia del documento di identità dell’intestatario della fornitura elettrica
  • allegare la fotocopia della bolletta (importante perché contiene il codice POD)
  • allegare il certificato ASL
  • in caso di delega, compilare l’atto di delega, e consegnare la fotocopia della carta d’identità e il codice fiscale del delegato  
     

Scarica il modulo per fare domanda (Modulo B)

Scarica il fac simile per l’ASL

Scarica l’atto di delega

Attenzione! Se variano le apparecchiature elettromedicali, è possibile consegnare una domanda di variazione dell’utilizzo, indicando le apparecchiature in più che vengono usate.

Dove

Per fare la domanda devi andare al Caf Cisal in via Fogagnolo 17 a Sesto. Prendi appuntamento al 349.8581897 dal lunedì al venerdì  dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.00.
Il Caf ti aiuta a compilare la domanda e a preparare i documenti. Se non li hai già, può anche farti l’ISEE  e la Dichiarazione Sostituiva Unica (DSU).

Come viene erogato il bonus

Il Caf controlla che la domanda sia compilata in tutte le sue parti, fa le verifiche e la inserisce nel sistema SGATE rendendola così disponibile per i distributori di energia elettrica. Sono infatti i distributori di energia elettrica che danno la risposta definitiva di accettazione o non accettazione della domanda. 
 
Riceverete  tramite Poste Italiane una lettera del sistema SGATE che vi comunica se la vostra richiesta non è stata accettata. Se viene accettata lo sconto verrà fatto direttamente in bolletta e in bolletta viene indicato che la fornitura usufruisce del bonus. Il gestore ha tempo 60 giorni lavorativi per accettare la domanda e altri 60 per applicare lo sconto in bolletta.

Chi era già titolare di bonus per disagio fisico prima del 2013, può presentare una nuova richiesta dal 1 gennaio 2013 se il numero di apparecchiature e il tempo del loro utilizzo, certificato dalla ASL,  dia diritto ad un bonus di importo superiore, in base alla nuova normativa.

Per informazioni

Per approfondimenti e per rimanere sempre informati sugli ultimi aggiornamenti di questa iniziativa (eventuali proroghe delle scadenze o altri cambiamenti) consultate i siti:
www.sgate.anci.it
www.autorita.energia.it/bonus_sociale.htm

Bonus per l'energia elettrica in caso di disagio fisico si trova in:

STAMPA

interruttore della luce

Ufficio

Ufficio Bonus
via Benedetto Croce n. 12
Sesto San Giovanni (Mi)
tel:02.24968947
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su