Vai al menu | Vai al contenuto

Rss

Servizi funebri

Esumazione

Cosa

L'esumazione è l'operazione di scavo ed estrazione del feretro dal terreno.

Dopo dieci anni (minimo) dalla data dell'inumazione, la legge impone di esumare dalla terra i resti delle salme perché possano essere collocati in altro luogo (ossari) per consentire il necessario turno di rotazione. Si parla in questo caso di esumazione ordinaria.

Se invece l'esumazione viene eseguita prima dello scadere del periodo di rotazione di dieci anni, prende il nome di esumazione straordinaria.

Come

Le esumazioni ordinarie sono regolamentate dal Sindaco tramite ordinanza.

Le esumazioni straordinarie vengono fatte solo in questi casi:
- per ordine dell'autorità giudiziaria
- se gli eredi chiedono di trasportare la salma in altra sepoltura a tumulazione (loculo)
- se gli eredi chiedono la cremazione della salma

Cosa succede dopo

- Se la salma è completamente demineralizzata, l’erede può scegliere di prendere in concessione un loculo ossario, oltre alla cassettina di zinco per i resti mortali, il cui costo è di euro 62,00.

- Se la salma non è completamente demineralizzata, l’erede può scegliere di inumare nuovamente il proprio caro nel campo comune al costo di euro 104,00, oppure optare per la cremazione con i costi che ciò prevede e l’ulteriore spesa di 62,00 euro per la cassettina di zinco per i resti mortali.

Quando

- Esumazioni ordinarie: possono essere fatte durante tutto l’anno, con preferenza da gennaio a maggio e da settembre a ottobre.
- Esumazioni straordinarie: non possono essere fatte nei mesi di maggio, giugno, luglio e agosto, ad eccezione dei casi ordinati dall’autorità giudiziaria.

 

Esumazione si trova in:

STAMPA

Ufficio

Concessioni cimiteriali
via Benedetto Croce n. 28
Sesto San Giovanni (Mi)
fax: 02 24.96.711
Scrivici
per contattarci

 

© 2001-2015 Comune di Sesto San Giovanni, Piazza della Resistenza, 20 - CAP 20099, tel. 02.24961, P.IVA 00732210968, C.F. 02253930156
Il portale del cittadino dal 20/08/01 è iscritto nel registro dei periodici (n.1536) del Tribunale di Monza

Torna su